Treni Covid Free, presto in arrivo sul territorio italiano: come funzioneranno

0
226

Treni Covid Free, presto in arrivo sul territorio italiano: ecco come funzioneranno. Si partirà con i Frecciarossa sulla tratta Roma-Milano, poi il progetto sarà esteso in tutto il resto del territorio nazionale

Treni Covid Free
Foto wikicommons

Dopo l’introduzione degli aerei, stanno per arrivare anche i treni Covid Free. Nel dettaglio, si tratterà di Frecciarossa nel quale, prima di salire, i passeggerei e gli addetti ai lavori eseguiranno un test. Si partirà, i primi di aprile, con la tratta Roma-Milano, poi il progetto sarà esteso in tutto il resto del territorio nazionale.

A comunicare il tutto è stato l‘amministratore delegato e direttore generale di Ferrovie dello Stato, Gianfranco Battisti. Queste le sue parole: “Implementeremo questa soluzione soprattutto sulle destinazioni turistiche per l’estate”. Città turistiche come Firenze e Venezia, sono le prossime sulla lista per estendere il progetto.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Vaccino russo Sputnik: accordo per la produzione in Italia

Treni Covid Free, a Roma Termini inaugurato il primo hub ferroviario dedicato alle vaccinazioni

La notizia dei “treni Covid Free” è stata resa nota a Roma Termini, dove proprio in questi giorni è stato inaugurato il primo hub ferroviario dedicato alle vaccinazioni: si tratta di una strutta adibita per poter eseguire le vaccinazioni, composta da 21 postazioni vaccinali che potranno consentire di fare 1500 somministrazioni al giorno. La struttura è stata realizzata grazie alla sinergia tra Regione Lazio, Croce Rossa Italiana e Gruppo FS italiane.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Vaccino Covid, dose unica per i guariti: arriva l’ok del Ministero della Salute

Sempre a Roma Termini è stato anche presentato il Treno Sanitario: un convoglio speciale caratterizzato da attrezzature mediche, con anche quelle relative alla terapia intensiva. L’idea è stata realizzata in collaborazione tra il Gruppo FS Italiane, il Dipartimento della Protezione Civile e l’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza della Lombardia.

Il treno, con una capienza massima fino a 21 pazienti, potrà essere usato in caso di emergenza qualora gli ospedali non dovessero avere più posti disponibili. Inoltre, potrà essere usato anche per trasportare i pazienti da una zona all’altra del territorio.