Chi è Maurizio Ferrini, l’uomo dietro alla Signora Coriandoli

0
630

Scopriamo chi è Maurizio Ferrini, l’uomo che interpreta la Signora Coriandoli, una brillante parodia della casalinga media italiana.

Maurizio Ferretti Signora Coriandoli

La carriera di Maurizio Ferrini

Maurizio Ferrini, meglio conosciuto come la Signora Coriandoli, è un comico e attore italiano. Originario di Cesena, classe 1953, Ferrini inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo come presenza fissa nel programma televisivo di Renzo Arbore Quelli della Notte. Grazie a questa trasmissione l’artista lancia il suo tormentone “Non capisco, ma mi adeguo” e diventa popolare.

Grande successo anche per la sua partecipazione a Domenica In nell’edizione 1989-90. Qui Maurizio Ferrini veste i panni della Signora Coriandoli, uno dei suoi personaggi più riusciti. Grazie a questo personaggio l’artista viene chiamato a girare spot per numerosi sponsor, come Amadori e Lavazza.

Tra gli anni 80 e 90 Ferrini prende parte ad alcuni film, si tratta di Il commissario Lo Gatto, Compagni di scuola, Sognando la California. Nel 1994  l’attore conduce Striscia la Notizia, in coppia prima con Sergio Vastano, e poi con Alba Parietti.

Per un periodo Mario Ferrini si allontana dal mondo dello spettacolo, fino al 2005, anno in cui partecipa al reality L’Isola dei famosi. Un’esperienza di successo per il comico che si classifica al secondo posto con il 25% dei voti.

Nel 2007 ricopre una piccola parte della fiction Ma chi l’avrebbe mai detto al fianco di Ornella Muti e Katia Ricciarelli. Nel 2011 interpreta Dorelli nel ventitreesimo episodio di Don Matteo 8.

Leggi anche -> Daniela Poggi: chi è l’attrice e conduttrice televisiva

La vita privata

Maurizio Ferrini non ha figli, è stato legato a lungo con Carla Urban. La loro relazione si è interrotta nel 1994 a causa di litigi. Dal 2017 l’attore ha una nuova compagna, si tratta di Sara Guglielmi. Di questa sua nuova fiamma Ferrini ha raccontato a Storie Italiane “Il nostro rapporto è quasi una cosa new age: ci siamo conosciuti in un momento di grande depressione per me, anche dal punto di vista professionale, e dunque la definirei una compagna con la quale abbiamo raggiunto una grande affinità dal punto di vista spirituale, cosa ancora più apprezzabile in un’epoca di materialismo imperante come quella che stiamo vivendo”.