Vaccino AstraZeneca, Ema: “Sicuro ed efficace, situazione prevista”

Il responso attesissimo sul Vaccino AstraZeneca, Ema: “Sicuro ed efficace, situazione prevista quando si vaccinano milioni di persone”.

(screenshot video)

Via libera da parte dell’Ema al vaccino AstraZeneca, dopo che diversi Paesi, tra cui l’Italia, avevano sospetto la somministrazione in via precauzionale. Preoccupavano alcuni casi sospetti di trombosi, rivelatisi mortali. Ma il pronunciamento di Ema sul vaccino sospeso in via cautelativa – giunto in conferenza stampa – è netto.

Ti potrebbe interessare anche -> AstraZeneca, dalle autopsie fatte in Italia nessun legame con i decessi

“E’ un vaccino sicuro ed efficace”, ha detto Emer Cooke, Direttore esecutivo di Ema, che con le sue parole chiarisce diversi aspetti. La situazione, ha spiegato praticamente rimarcando quando detto due giorni fa – “non è insolita, né inattesa quando si vaccinano milioni di persone, ma dobbiamo investigare se le reazioni sono dovute a farmaco o a malattie pregresse”.

Ti potrebbe interessare anche -> Vaccino AstraZeneca, in Inghilterra nessun panico: il modello di Londra

Il verdetto dell’Ema sul vaccino AstraZeneca

Chiarito poi ancora una volta che non vi è alcuna correlazione tra i casi di trombosi e la somministrazione del vaccino, per cui si chiude un capitolo che rischiava di aprire una crisi importante per la campagna vaccinale. Verosimilmente, già dalle prossime ore, l’Italia riprenderà nella somministrazione dei sieri anglo-svedesi e anche oggi Mario Draghi, in visita a Bergamo, ha ribadito che la priorità resta quella di rendere operativa e potenziata la campagna vaccinale.

Queste le parole del premier italiano: “La sospensione del vaccino AstraZeneca, attuata lunedì con molti altri Paesi europei, è stata una decisione temporanea e precauzionale. Nella giornata di oggi, l’Agenzia Europea dei Medicinali darà il suo parere definitivo sulla vicenda. Qualunque sia la sua decisione, la campagna vaccinale  proseguirà con la stessa intensità, con gli stessi obiettivi. L’incremento nelle forniture di alcuni vaccini aiuterà a compensare i  ritardi da parte di altre case farmaceutiche.Abbiamo già preso decisioni incisive nei confronti delle aziende che non mantengono i patti”.