Roberto Speranza a Domenica In rivela come sarà la prossima estate

0
643

Roberto Speranza ha spiazzato tutti a Domenica In, le sue dichiarazioni hanno descritto come sarà l’estate che si avvicina, descrivendo il futuro che ci attende.

Roberto Speranza, ospite a Domenica In, il ministro è fiducioso per l'estate (Getty Images)
Roberto Speranza, ospite a Domenica In, il ministro è fiducioso per l’estate (Getty Images)

Roberto Speranza è il Ministro della Salute in carica, è intervenuto a Domenica In nella puntata di quest’oggi Domenica 21 Marzo, proprio per spiegare come il Governo sta cercando di accelerare la campagna di vaccinazioni.

Il Ministro ha elogiato il personale medico italiano che sta fronteggiando la pandemia giorno dopo giorno, tutto il personale sanitario è candidato al Premio Nobel per la pace.

Nelle sue dichiarazioni Speranza ha dichiarato di non voler usare la parola eroe, ma ha elogiato l’incessante dovere del personale medico svolto dalla mattina alla sera, nonostante la grande pressione che grava sugli ospedali italiani.

Gli investimenti sulle strutture sanitaria non devono smettere, tutti devono essere curati e la ricerca non deve fermarsi adesso, ma deve continuare per il futuro.

Il modo di ringraziare tutto il personale medico che durante questi mesi sta facendo sforzi insormontabili, è proprio quello di cessare con i tagli sulla sanità e investire nuovamente in un campo che non dovrebbe essere mai dimenticato.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Astrazeneca, dalla Germania: “Scoperta la causa dei coaguli di sangue”

Roberto Speranza, le dichiarazioni sui vaccini e la situazione di AstraZeneca

Il Ministro della Salute ha anche fatto delle dichiarazioni sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino AstraZeneca, affermando che è pronto a farlo in prima persona se necessario.

Il numero di contagi in aumento è stato provocato dalla diffusione delle varianti Covid, quella inglese è stata fatale per il nostro paese. Gli scienziati e ricercatori hanno segnalato che la variante inglese è quella che riesce a diffondersi con il 40% di velocità in più, aumentando il numero di persone contagiate.

In questo modo aumentano i casi, e quelli più gravi purtroppo perdono la vita, per questo motivo abbiamo bisogno di vaccinare tutta la popolazione italiana per evitare i danni collaterali.

Attualmente in Italia ci sono tre vaccini: il Pfizer, Moderna e AstraZeneca, l’AIFA sta approvando anche il Johnson&Johnson il quale è il primo vaccino a consentire l’immunità grazie ad una sola dose.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Speranza autorizza il vaccino AstraZeneca per gli over 65

La sperimentazione del vaccino Reithera è in continuo sviluppo, mentre a breve verrà approvato anche un quarto vaccino di nome CureVac. Nel momento in cui il Governo riuscirà ad avere un quantitativo significativo di dosi si potrà cominciare con la vaccinazione presso le 19.000 farmacie sparse nel territorio italiano.

Oltre ai medici generali, anche i pediatri, gli specializzandi, odontoiatri e farmacisti assisteranno i pazienti con la collaborazione degli infermieri fuori orario.

Inoltre i farmacisti dovranno seguire un corso di formazione per riuscire ad assistere i pazienti appena vaccinati, i quali dovranno adibire uno spazio per i 15 minuti dopo aver somministrato la prima dose.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Nuovo Dpcm, Speranza al Senato: “Sarà valido fino al 6 aprile”

Quando usciremo dall’incubo Covid?

Il Ministro Speranza ha dichiarato di essere ottimista per questa estate, durante questi mesi era necessario mantenere delle restrizioni ferree. Dai prossimi mesi in poi ci sono ragioni per guardare avanti dando fiducia ai cittadini nelle prossime settimane.

Le precauzioni devono essere sempre all’ordine del giorno, la situazione migliorerà a fine primavera e inizio estate, il quadro sarà completamente diverso da quello attuale.

Adesso abbiamo bisogno di affrontare il virus con gradualità, giorno per giorno, prima di riuscire a tornare a vivere come prima. Il processo sarà lento e graduale, in questo modo riusciremo a risollevarci da questa situazione.