Italia’s Got Talent: chi è la comica Laura Formenti

0
377

Nella terza puntata di Italia’s Got Talent è certamente una rivelazione. Laura Formenti il suo monologo, che nel frattempo ha raccolto decine di migliaia di view, la stand-up comedian si è guadagnata il favore dei giudici e un posto in finale.

Sperimenta tutti i tipi di comicità: visual comedy, personaggi e stand up comedy partecipando alle trasmissioni televisive Colorado, Pomeriggio 5, Natural Born Comedians, Stand up comedy e Italia’s Got Talent. Dal 2016 produce tre spettacoli di stand up comedy. Come si descrive nel suo sito? “Sono una bionda non sono una santa!”

“Com’è essere un uomo?” è stato il suo esordio al talent. “Io adoro essere una donna, mi piace fare tutte quelle cose che facciamo noi donne… Come la ruota quando abbiamo le nostre cose o andare dalla mamma per dirle che ho un prurito intimo”. Per i successivi cinque minuti Laura Formenti ha parlato di come le donne vedono gli uomini e viceversa. Un mix irresistibile di battute divertenti e nello stesso tempo intelligenti. Ecco il video della sua performance. 

Chi è Laura Formenti

Laura Formenti è una delle poche stand-up comedian donne in Italia. Dopo un periodo a Zelig e Colorado, Laura si divide tra spettacoli dal vivo nei locali di tutta Italia e i programmi tv di Comedy Central senza tralasciare i social media dove posta i suoi sketch. Gli argomenti del suo spettacolo Per Puro Caos (scritto in collaborazione con Giuseppe Della Misericordia) sono diversi: dal sesso visto dalle donne alla famiglia, dall’educazione scolastica fino alle differenze di genere.

POTREBBE INTERESSARTI: Italia’s Got Talent: chi sono le Dress in Black

Laura ha affrontato anche un tema delicatissimo come quello dell’interruzione di gravidanza e grazie alle sue doti comiche è risuscita a creare la giusta empatia per ottenere al termine dello spettacolo il consenso favorevole del pubblico. “Ricevo i complimenti alla fine della trattazione ma deve crearsi il clima di confidenza per scherzare su un argomento così controverso. Quindi occorre fare un grande lavoro sia sul pezzo sia sulla sua introduzione. Il lavoro comico è anche tecnico oltre che empatico” dice Laura ripensando anche agli inizi della sua carriera quando desiderava diventare attrice.