Silvio Berlusconi è in ospedale: il leader di Forza Italia è ricoverato da tre giorni

0
297

Silvio Berlusconi è ricoverato in ospedale da lunedì, è la terza volta da inizio anno. A dare l’annuncio il suo avvocato durante il processo “Ruby Ter”

 Silvio Berlusconi ricoverato

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi è nuovamente ricoverato in ospedale. A darne notizia l’avvocato dell’ex premier Federico Cecconi all’inizio dell’udienza del processo “Ruby ter”. Il rappresentante legale non ha però spiegato quali sono le cause che hanno portato all’ospedalizzazione di Berlusconi.

Il noto politico ed imprenditore italiano è ricoverato da lunedì 22 marzo scorso. Secondo fonti di Forza Italia il ricovero del leader sarebbe dovuto a “monitoraggio clinico di routine e l’adeguamento alla terapia in atto e verrà dimesso a breve”. Secondo Cecconi invece Berlusconi dovrà restare in ospedale ancora qualche giorno. L’avvocato ha dichiarato che tra un paio di giorni sapremo meglio quali sono le condizioni di salute dell’ex premier.

Fino a domenica 21 marzo Silvio Berlusconi stava bene, il Cavaliere aveva pubblicato sui social un suo video in cui esprimeva soddisfazione per l’operato del governo guidato da Mario Draghi. La sua ultima apparizione in pubblico risale allo scorso 9 febbraio, giorno in cui Berlusconi aveva guidato la delegazione di Forza Italia durante le consultazioni con l’ex presidente della Bce, incaricato della formazione del governo.

Per Berlusconi si tratta del terzo ricovero da inizio anno

Questo è il terzo ricovero per Silvio Berlusconi nel 2021. A  metà gennaio il leader di Forza Italia era stato ricoverato in ospedale presso il Principato di Monaco a causa di un problema cardiaco. Dopo appena un mese, a metà febbraio, Berlusconi è tornato di nuovo in ospedale per una breve degenza dovuta ad una caduta.

Leggi anche –Silvio Berlusconi ricoverato a Monaco: i dettagli

Anche a fine 2020 i legali dell’ex premier avevano presentato le cartelle cliniche di Berlusconi evidenziano gravi problemi cardiaci. Era la volta del filone romano del processo “Ruby Ter”, e per i leader di Forza Italia fu chiesto il legittimo impedimento proprio a causa delle sue condizioni di salute.