Morta Jessica Walter: addio a Lucille della serie Arrested Development

0
721

Un grave lutto ha colpito il mondo del cinema e della fiction, morta Jessica Walter: addio a Lucille della serie Arrested Development.

(screenshot video)

Jessica Walter, l’attrice veterana che ha interpretato il ruolo di Lucille Bluth in “Arrested Development – Ti presento i miei” è morta, lo ha annunciato la sua famiglia giovedì. La donna sarebbe morta nel sonno a 80 anni. Era anche la doppiatrice originale nella serie animata “Archer”, dove ricopriva il ruolo di Malory Archer. Un suo agente ha spiegato che la donna è morta a New York, dove viveva.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lutto nel cinema francese: morto il regista Bertrand Tavernier

“È con il cuore pesante che confermo la scomparsa della mia amata mamma Jessica”, ha detto in una dichiarazione la figlia Brooke Bowman. Quindi ha proseguito ricordando che la mamma aveva alle spalle 60 anni di carriera e ha aggiunto: “Il suo più grande piacere è stato portare gioia agli altri attraverso la sua narrazione sia sullo schermo che fuori”. Infine ha ricordato “la sua arguzia, classe e in generale la gioia di vivere”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Uomini e Donne, Fabio Donato Saccu morto: la malattia e la moglie Lisa

Il ricordo di Jessica Walter, addio alla grande attrice

I fan più giovani di Jessica Walter la conosceranno meglio per aver interpretato Lucille Bluth, nell’acclamata sitcom “Arrested Development”. La Walter ha detto che si divertiva a interpretare personaggi poco simpatici. “Adoro guardare film con persone che odio. Adoro quei vecchi film con Bette Davis in cui è lei la cattiva”, ha detto a IndieWire nel 2013. “Era una forza della natura, e il suo talento e il suo tempismo non avevano eguali”, ha detto il co-protagonista di “Arrested Development – Ti presento i miei” Tony Hale, che interpretava suo figlio, Buster Bluth.

David Cross, che interpretava il genero di Lucille Bluth, Tobias Fünke, ha definito la Walter “un’attrice assolutamente brillante e un talento straordinario”. L’attrice ha esordito sul grande schermo addirittura nel 1964 nella pellicola “Lilith – La dea dell’amore”, con tra i protagonisti Warren Beatty. Ha recitato anche per registi del calibro di Sidney Lumet e Clint Eastwood. Grazie alla pellicola Grand Prix, regia di John Frankenheimer, ha ottenuto la nomination al Golden Globe come attrice rivelazione.