Jannik Sinner, chi è l’avversario Aleksandr Bublik: il precedente

0
90

I quarti di finale a Miami per l’azzurro Jannik Sinner, chi è l’avversario Aleksandr Bublik: il precedente recente di Dubai.

(Mohamed Farag/Getty Images)

L’appetito vien mangiando per il talento del nostro tennis, Jannik Sinner: il ragazzo altoatesino sta mettendo a segno una serie di record impressionanti e il quarto di finale raggiunto nel Masters 1000 di Miami, il più giovane azzurro di sempre ad arrivare a questo punto, è uno di questi.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo -> Dove vedere oggi Sinner – Bublik: quarti torneo di Miami

La facilità con cui ieri negli ottavi di finale ha battuto l’avversario finlandese Emil Ruusuvuori, addirittura dopo aver concesso un break in apertura, è stata disarmante. Il parziale di 6-3, 6-2 non ammette infatti repliche. Ma è già tempo di tornare in gara per i quarti di finale di un torneo che non conosce soste. Di fronte, c’è il kazako Aleksandr Bublik.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo -> Sinner non fallisce: vittoria a Sofia, che impresa!

Chi è Aleksandr Bublik, avversario di Jannik Sinner nei quarti di Miami

(Matthew Stockman/Getty Images)

Classe 1997, tra i primi cinquanta al mondo ormai in maniera stabile, Bublik ha nel suo palmares quattro finali ATP raggiunte in singolare e nessuna vinta. Di queste, due sono state le sconfitte recentissime quest’anno, prima ad Antalya e poi a Singapore, contro gli australiani Alex de Minaur e Alexei Popyrin. Il kazako è avversario temibile per Jannik Sinner, che anche stasera dovrà dunque dimostrarsi all’altezza della sua fama.

Talento puro che negli anni sembrava essersi perso e invece adesso è tornato a rispolverare colpi incredibili, il kazako Bublik ha affrontato Sinner appena una quindicina di giorni fa. In quell’occasione, al torneo di Dubai, fu battaglia vera: 2-6 7-6 (2) 6-4 i parziali. Lo stesso Sinner non sottovaluta l’impegno: “Sicuramente sarà una partita molto difficile – anche perché se un giocatore arriva ai quarti c’è un motivo. Non è così semplice arrivarci, ma il mio obiettivo è andare più lontano. Non mi rilasso”.