Oms: in Europa vaccinazioni di una “lentezza inaccettabile”

0
77

In Europa i dati sui contagi da Covid-19 non sono entusiasmanti, il picco preoccupa l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) che lancia l’allarme sulla lentezza da parte dei paesi europei nella somministrazione dei vaccini. 

DIPPOLDISWALDE, GERMANY – MARCH 15: A vial of AstraZeneca Covid-19 vaccine in Saxony during the coronavirus pandemic on March 15, 2021 in Dippoldiswalde, Germany. Saxony authorities are launching a pilot project today in which 39 private medical practices statewide will begin administering COVID vaccinations. Similar projects are underway across Germany in an effort to expand the pace and scope of vaccinations, though efforts are still being hampered by a shortage of vaccines. (Photo by Jens Schlueter/Getty Images)

L’Oms lancia un piccolo “ammonimento” ai paesi europei, definendo “L’attuale situazione regionale è la più preoccupante che abbiamo visto in diversi mesi” come ha riferito Hans Kluge, direttore regionale dell’Oms per l’Europa – aggiungendo “Lasciatemi essere chiaro: abbiamo bisogno di accelerare il processo aumentando la produzione, riducendo le barriere alla consegna del vaccino, e utilizzando ogni dose che abbiamo in magazzino”

Nei 53 paesi dell’Oms, inclusa la Russia e alcuni stati dell’Asia centrale, i morti per Covid hanno superato la soglia dei 24.000 nella scorsa settimana e a detta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità stiamo per sfiorare il milione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, vaccini in esaurimento: allarme in Veneto e Lazio

Secondo l’Oms la lentezza nella somministrazione dei vaccini è “inaccettabile”, bisogna accelerare per alzare il ritmo delle vaccinazioni in Europa contro il Covid-19. “Il ritmo lento delle vaccinazioni prolunga la pandemia” riporta una nota della direzione europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. “I vaccini sono la nostra migliore via d’uscita dalla pandemia. Non solo funzionano, ma sono anche molto efficaci nel limitare le infezioni. Tuttavia, la diffusione di questi vaccini è inaccettabilmente lenta” ha detto Hans Kluge, sottolineando l’impellente necessità di accelerare, in un momento in cui la pandemia ha alzato i toni e in molti paesi sembra ripercorrere la situazione di qualche anno fa. Oggi però, rispetto ad alcuni mesi fa abbiamo un’arma in più, i vaccini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> I nuovi colori dell’Italia: Campania verso la zona arancione

Andando oltreoceano, precisamente negli Usa, il New York Times riporta che milioni di dosi di vaccino Johnson&Johnson  “Un errore umano in uno stabilimento di Baltimora “rovina 15 milioni di dosi di vaccino Johnson & Johnson” che causerà diversi ritardi nella consegna del vaccino negli Stati Uniti.  New York Times cita fonti federali: sembra che l’impianto appartenesse alla Emergent BioSolutions, partner di Johnson & Johnson e di AstraZeneca. Un errore umano, riporta il quotidiano “I lavoratori hanno accidentalmente fuso gli ingredienti dei vaccini diverse settimane fa, rovinando circa 15 milioni di dosi del vaccino di Johnson & Johnson e costringendo le autorità di regolamentazione a ritardare l’autorizzazione delle linee di produzione dell’impianto”. Negli Usa 54,6 Milioni di persone hanno già ricevuto una vaccinazione completa