“Francesco”, il film documentario sul Papa su Rai 1

Arriva su Rai1 il docufilm “Papa Francesco – Un uomo di parola“. Il lavoro è firmato dal regista tedesco Wim Wenders e da voce a Bergoglio, che affronta i temi a lui più cari e risponde a domande sulle principali sfide globali del nostro tempo: la giustizia sociale, le diseguaglianze, il materialismo, la povertà, la crisi ecologica. Lo si potrà vedere, in prima visione assoluta, domani, venerdì 2 aprile, alle 23.35 sul primo canale della Rai.

La storia del progetto

Fin dai giorni successivi all’elezione del Santo Padre case di produzione cinematografiche si sono presentate in Vaticano proponendo di realizzare un documentario. Ogni volta però la risposta del Papa era sempre la stessa, un deciso diniego accompagnato dalla stessa motivazione: “Io non faccio l’attore!”. Lo scrive sull’Osservatore Romano monsignor Dario Viganò, vice cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.

“Era necessario, infatti – continua Viganò -, che il Papa si sentisse libero di raccontarsi secondo la sua modalità comunicativa capace di accorciare immediatamente le distanze: in intimità, attraverso un gioco di sguardi, il suo e quello delle persone. E lo sguardo di Wenders, capace di raccontare il mondo del visibile e insieme squarci di quello invisibile, non poteva che essere il più attento e adatto a realizzare un film su e con papa Bergoglio.”

POTREBBE INTERESSARTI: Tapiro d’oro a Giancarlo Magalli: “La Rai mi sostituisce?”, e si “offre” a Mediaset

I primi contatti con il regista avvennero nel 2013. Le riprese, in quattro sedute, furono realizzate tra il 2016 e il 2017. Papa Francesco. Un uomo di parola fu proiettato, in anteprima mondiale, al 71° Festival di Cannes. Di lì iniziò la sua avventura nelle sale cinematografiche.

Il docufilm racconterà le sfide del nostro tempo, le urgenze a cui dare risposte, la missione della Chiesa declinata nello sguardo verso i più indigenti, verso i migranti e chi soffre le ingiustizie. (clicca qui per vedere il backstage del film)