Liga: il Valencia lascia il campo per insulti razzisti a Diakhaby

0
69

Il Valencia lascia il campo a seguito gli insulti razzisti di Cala a Diakhaby. L’episodio è accaduto alla fine del primo tempo della sfida contro il Cadice: la partita è poi ripresa con la sostituzione del francese.

Getty Images

La partita Cadice-Valencia è stata interrotta prima della fine del primo tempo, quando la squadra ospite ha abbandonato il campo per un presunto episodio di razzismo: Cala avrebbe infatti insultato il giocatore del Valencia, Diakhaby.

Entrambi durante un contrasto di gioco erano a caccia del pallone, poi il difensore del Valencia si è totalmente estraniato dal gioco ed è andato direttamente a protestare contro l’avversario. E mentre il match proseguiva dall’altra parte, il francese si è spiegato con l’arbitro e ha deciso di lasciare il campo provocando la sospensione della gara al 37’. I compagni di squadra lo hanno supportato, seguendolo prontamente negli spogliatoi.

L’arbitro ha provato a calmare le acque con due cartellini gialli, ma non è servito. Diakhaby ha dichiarato di aver ricevuto un insulto razzista.

Cadice-Valencia è poi ripresa dopo 10 minuti con Diakhaby che è stato sostituito da Guillamon.

 

Il tweet del Valencia contro il razzismo

 

 

“Tutto il nostro supporto a Diakhaby – ha scritto il Valencia in un tweet – Il giocatore, che ha ricevuto un insulto razzista, ha chiesto ai compagni di squadra di tornare in campo per combattere. Siamo tutti con te. Condanniamo il razzismo in tutte le sue forme”.

 

Ti potrebbe interessare anche –> MotoGp Doha Tabellino Gara: Quartararo la spunta sulle Ducati