Furbetti del Cashback: 37 minuti per un rifornimento da 50 euro

0
151

Nuovo caso della serie “furbetti del Cashback”: e questo caso è uno di quelli allarmanti, 37 minuti per un rifornimento da 50 euro. Alcuni stanno sfruttando le falle nel sistema per cercare di scalare la classifica del super bonus.

ROME- MARCH 8: A petrol meter placed at the Api Italian petrol station is seen, March 8, 2006, in Rome (Italy). (Photo by: Franco Origlia/ Getty Images)

I cosiddetti “furbetti del cashback” stanno provando a scavalcare chi onestamente partecipa al programma. Alcuni sfruttano i bug nel sistema per scalare la classifica del super bonus. Sembra che i furbetti ultimamente si siano specializzati nell’effettuare micro-transizioni, legale sì, ma da furbetti, tanto da far pagare agli esercenti commissioni salate dato la divisione delle transizioni. A partire dal 1° gennaio 2021 è partito la seconda tranche del programma “Cashback”, i primi 100 mila partecipanti che raggiungeranno il maggior numero di transazioni con carte e app di pagamento, avranno diritto al Super Bonus Cashback, pari a 1500 euro, obiettivo anche dei furbetti che così avranno maggiori possibilità di accedere al super bonus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback in bilico: le ipotesi in vista del Recovery Plan di Draghi

Ultimo caso quello riportato da La Nazione: nella notte un soggetto ha sfruttato la falla utilizzando un distributore di benzina. Come ha raccontato il titolare della stazione di servizio il cliente avrebbe effettuato un rifornimento di 50 euro ma operando trentadue mini-transizioni per ben 37 minuti, come ripreso dalle telecamere di sorveglianza. Scontrini da 1,50 euro cadauno a testimoniare l’avvenuto. Il tutto è successo a Poggibonsi, in una stazione di servizio Ip di via San Gimignano, come riporta il quotidiano. Il furbetto sembra essere un automobilista che visto il comportamento probabilmente  cerca la fortunata scalata per il super bonus del Cashback di Stato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> AstraZeneca, sospesa la sperimentazione su bambini e adolescenti

Come abbiamo già ribadito operazioni del genere non rappresentano nessun tipo di reato o di illecito, sono del tutto legittimi, certamente però discutibili, in quanto non corrette nei confronti degli altri partecipanti.