L’influencer Chiara Ferragni è entrata nel Cda di Tod’s

0
214

Chiara Ferragni è stata nominata membro del Cda di Tod’s, il gruppo dei marchi Tod’s, Hogan, Fay e Roger Vivier.

Chiara Ferragni nel cda di Tod's

La instagrammer per eccellenza, la queen del Glamour, Chiara Ferragni è entrata a far parte del consiglio d’amministrazione del gruppo Tod’s. La prestigiosa azienda di abbigliamento, calzature ed accessori, guidata dalla famiglia Della Valle, ha deciso di potenziare il proprio organico. Il gruppo cerca un punto di contatto con le nuove generazioni.

Leggi anche -> Chiara Ferragni e la proposta a Ferrero: Leone nuovo testimonial delle barrette Kinder

La nomina di Chiara Ferragni

In una nota di Tod’s si legge:”Ritenendo sempre più importante occuparsi di impegno sociale, della solidarietà verso il prossimo e della sostenibilità nel rispetto dell’ambiente e del dialogo con le giovani generazioni, il gruppo Tod’s nomina Chiara Ferragni membro del Cda”.

Secondo il presidente di Tod’s, Diego Della Valle: “La conoscenza di Chiara del mondo dei giovani sarà sicuramente preziosa. Inoltre, insieme, cercheremo di costruire progetti solidali e di sostegno per chi ha più bisogno, sensibilizzando e coinvolgendo sempre di più le nuove generazioni in operazioni di questo tipo”.

Chiara Ferragni ha così commentato la nomina “Ringrazio Diego Della Valle per la fiducia e il rispetto che ha nei miei confronti come donna e manager”. L’influencer vede questo suo ingresso all’interno del gruppo Tod’s come una bella possibilità “Unirmi al gruppo Tod’s significa dare voce alla mia generazione con una delle eccellenze dell’Italia nel mondo” ha dichiarato Chiara.

Anche secondo il gruppo Tod’s la presenza dell’influencer ha questo scopo e missione, il gruppo ha infatti così commentato la nomina “Siamo certi che la conoscenza di Chiara del mondo dei giovani, unita all’esperienza dei membri del cda, possa costruire un gruppo di pensiero dedicato a progetti focalizzati alla solidarietà verso gli altri, con forte attenzione al mondo giovanile che, mai come in questo momento, ha bisogno di essere ascoltato”.