Pablo e Pedro, cosa sapere sul duo cabarettistico

0
236

Il duo comico Pablo e Pedro entrano a far parte della schiera di “Avanti un altro”. Cosa sapere sulla coppia di cabarettisti.

(Facebook)

Avanti un altro, lo show condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti, compie 10 anni. Per festeggiare, il programma ha in serbo una serie di puntate speciali, con ospiti imprevedibili, squadre d’eccezione di vip e ovviamente il solito salottino, composto da personaggi bizzarri che sottoporranno i concorrenti ad una serie di perfide domande. Oltre a Miss Claudia, lo Iettatore, la Bonas e il Bonus, troveremo anche qualche new entry nel cast, come il duo comico Pablo e Pedro.

Leggi anche -> Bonolis conduce “Avanti un altro! Pure di sera”: anticipazioni della prima serata

Pablo e Pedro: chi è il duo comico

Il duo comico, formato da Nico Di Renzo e Fabrizio Nardi, nasce a Roma nel 1994. Dopo varie esperienze nei locali di mezza Italia, la coppia di comici approda nel mondo della TV: inizialmente nella trasmissione “Seven Show”, in onda sul circuito “Europa 7”, che li rende davvero noti, e successivamente in programmi tra cui “Beato tra le donne”, “Cominciamo Bene Estate”, “Quelli che… il calcio” e “Buona Domenica”.

Spesso ospiti al “Maurizio Costanzo Show”, dal 2004 il duo prende parte anche a “Camera Cafè”. Altri programmi di successo in cui hanno partecipato sono “Barbecue”, “Tele Fai Da Te” e “Gabbia di Matti”. Tra il 2009 e il 2010 approdano a “Zelig Off”, anticamera di “Zelig”. Da quest’anno, entreranno nel salottino di “Avanti un altro”.

Leggi anche -> Alice Campello: lady Morata, ecco chi è la donna

Il loro successo, lo devono ad un tipo di comicità originale, innovativa e piena di fantasia. La lunga esperienza nei club e nei teatri di tutta Italia, ha permesso loro di costruire un vasto repertorio di personaggi, modellati sulle debolezze, le stranezze e le vulnerabilità in cui tutti noi ci riconosciamo. I loro spettacoli sono in grado di abbracciare più stili diversi della comicità, passando dalla satira alla parodia, e dagli sketch demenziali alla pura improvvisazione.