Afroamericano ucciso dalla polizia a Minneapolis: scontri e proteste

0
107

Non si fermano le proteste dopo la morte di un afroamericano, Daunte Wright ventenne ucciso senza alcun motivo da una poliziotta che avrebbe scambiato il taser con una pistola, forse un errore che è stato fatale ancora una volta per un afroamericano.

PORTLAND, OR – APRIL 12: Activists march towards the Multnomah County Sheriff’s office during a protest against the killing of Daunte Wright on April 12, 2021 in Portland, Oregon. Wright, a Black man whose car was stopped in Brooklyn Center, Minnesota on Sunday reportedly for an expired registration, and not far from where George Floyd was killed during an arrest in Minneapolis last May, was shot and killed by an officer who police say mistook her service revolver for a Taser. (Photo by Nathan Howard/Getty Images)

Continuano per la seconda notte e senza sosta le proteste e i disordini a Minneapolis dopo la morte di Daunte Wright, dopo che il ventenne era morto a causa di alcuni colpi di arma da fuoco sparati, sembra per errore da una poliziotta che avrebbe scambiato la pistola per il taser di servizio, l’agente Kim Potter, una 48enne con esperienza del dipartimento di Brookyln Center.  Il tutto è accaduto a soli 15 chilometri dal palazzo di Giustizia dove è in corso il processo a Derek Chauvin, il poliziotto che causò la morte di George Floyd tenendogli il ginocchio sul collo per 9 minuti fino al soffocamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Navalny denuncia il carcere: “Non mi fanno leggere il Corano”

Per la seconda notte a Minneapolis, come testimoniato dalle immagini sembra immersa in un clima da guerra civile,  i manifestanti nella notte hanno assalito il distretto di polizia di Brooklyn Center e la polizia agisce con il lancio di lacrimogeni e le pallottole di gomma. Ma continuano i saccheggi e gli scontri anche in altre parti della città e la polizia ha arrestato decine di persone. Per disperdere la folla le autorità hanno utilizzato oltre ai gas lacrimogeni anche granate stordenti, come riportano diversi media americani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Arriva il Jhonson & Jhonson in Italia, negli Usa chiedono la sospensione

(Photo by Nathan Howard/Getty Images)

Daunte Wright aveva appena vent’anni e quel giorno si stava recando, come riportano alcuni media a lavare l’auto che i genitori gli avevano regalato da poco. Daunte anche padre. L’accaduto si è consumato durante l’ora di pranzo, la polizia lo ferma per una inflazione e scopre anche che a suo carico c’è un mandato di arresto, nel tentativo di ammanettarlo la tragedia: Duante tenta di sfilarsi, la poliziotta come si vede nel video urla “taser, taser!” ma sbaglia e spara con la pistola di servizio, il colpo sarà fatale. Ora i manifestanti chiedono giustizia, e le strade sono piene così come accade dopo la morte di George Floyd.