Striscia la Notizia, arriva un’accusa pesante per Scotti e Hunziker: i dettagli

0
287

Una pesantissima accusa di razzismo verso la comunità dei cittadini cinesi presenti in Italia è piovuta addosso ai conduttori di Striscia la Notizia Gerry Scotti e Michelle Hunizker. Vediamo i dettagli.

Razzismo cinesi Striscia Notizia

Un’accusa pesante, pesantissima, è piovuta, poco dopo la mezzanotte di oggi mercoledì 14 aprile, addosso ai conduttori del TG Satirico di Canale 5, Striscia la Notizia, Gerry Scotti e Michelle Hunziker.

—>>> Ti potrebbe interessare anche La clamorosa confessione di Michelle Hunziker: “Mi ha fatto soffrire”

L’accusa è quella di razzismo ed arriva dalla popolare pagina Instagram Diet Prada, quasi tre milioni di follower e da sempre in prima linea nella denuncia e nella segnalazione di atteggiamenti a sfondo razziale.

Nello specifico l’account Instagram accusa Gerry Scotti e Michelle Hunziker di aver preso in giro in maniere pesante e utilizzando stereotipi razzisti, come le dita sugli occhi per renderli a mandorla e le frasi con la L al posto della R, durante la puntata di martedì 13 aprile del programma.

Nel post comparso sul popolare social network, completamente scritto in inglese e nel quale Scotti e Hunziker sono taggati, l’account di Diet Prada ripercorre la vicenda sottolineando come 4.662.000 spettatori (dati ufficiali) abbiano assistito al programma di Canale 5 durante il quale i conduttori “hanno deriso la pronuncia del popolo cinese della lettera R” specificando che la rete “Rai” viene chiamata “Lai”. 

—>>> Ti potrebbe interessare anche Gerry Scotti: “Non voglio il vitalizio”, il passato in politica del conduttore

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Diet Prada ™ (@diet_prada)

Striscia la Notizia, Scotti e Hunziker accusati di razzismo verso i cittadini cinesi

Nello stesso post, ormai virale grazie agli oltre centomila like, Diet Prada ripercorre alcune tappe della vita e della carriera di Gerry Scotti, “ex membro del Parlamento italiano”, e di Michelle Hunziker,“impegnata nei diritti delle donne e della comunità LGBT”.

Ma nonostante questo “godono di buona reputazione” si legge nel post affonda il colpo per la “mancanza di sensibilità verso i cittadini cinesi” che ricordiamo in Italia sono 310.000 la terza comunità di persone straniere presenti nel Belpaese.

Sempre nel post si fa riferimento a quanto accaduto a molti cittadini cinesi presenti in Italia con l’esplosione della pandemia da coronavirus Covid-19 “dal blocco delle forniture della imprese” alla quarantena forzata per i bambini cinesi “in quattro regioni del Nord”.

La vicenda, inevitabilmente avrà un seguito. Sono già arrivate le scuse, sempre via Instagram, di Michelle Hunziker in giornata e attesa la repliche di Gerry Scotti e della direzione del TG satirico.