Conte difende il ministro della Salute: “Draghi chiaro su Speranza”

0
97

L’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è espresso sulle critiche nei confronti del ministro della Salute Roberto Speranza, dopo gli ultimi giorni che davano persino un cambio di poltrona ministeriale. 

BERLIN, GERMANY – JANUARY 19: Italian Prime Minister Giuseppe Conte arrives for an international summit on securing peace in Libya at the German federal Chancellery on January 19, 2020 in Berlin, Germany. Leaders of nations and organizations linked to the current conflict are meeting to discuss measures towards reaching a consensus between the warring sides and ending hostilities. (Photo by Adam Berry/Getty Images)

Parlando anche di Draghi l’ex presidente del Consiglio Conte ha riferito all’Adnkronos: “Faccio notare che il presidente Draghi è stato molto chiaro dichiarando solo qualche giorno fa che ha voluto lui il ministro Speranza e che ne ha grande stima. Quindi mettere in discussione Speranza significa voler indebolire, irresponsabilmente, il governo durante questa difficile fase emergenziale”.

Lo stesso premier Mario Draghi ha espresso profonda fiducia nell’operato del ministro Speranza, anche nel corso della conferenza tenutasi nella giornata di oggi sulle riaperture: “Le critiche al ministro Speranza dovevano trovare pace fin dall’inizio perché non erano né fondate né giustificate: ho già detto – mi secca doverlo dire in sua presenza – che lo stimo e l’ho voluto io nel governo” – ha dichiarato il presidente del Consiglio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Zona gialla rafforzata dal 26 aprile: ok per i ristoranti all’aperto

Il “neo-leader” del M5s lancia poi elogi nei confronti del ministro della salute e per le sue capacità gestionali nel fronteggiare la pandemia “Da oltre un anno Roberto Speranza è costantemente impegnato per tutelare un bene fondamentale, cioè la salute dell’intera comunità nazionale – aggiunge l’ex premier -, le polemiche contro di lui sono del tutto strumentali e inaccettabili”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, l’ordinanza di Speranza: come cambiano i colori delle regioni

Ovvio che il riferimento è a Giorgia Meloni che aveva dato al ministro aggettivi di “Incompetente e inadeguato”: e tra le altre cose Fratelli D’Italia aveva lanciato anche una mozione di sfiducia nei confronti di Speranza. Il ministro della Salute è ormai da diverso tempo al centro delle polemiche da parte dei partiti di centrodestra e dai loro leader: Giorgia Meloni e Salvini in primis, che hanno più volte espresso malumore per l’operato del ministro Speranza nella gestione della pandemia da Covid-19.

Per la Lega, come riporta La Stampa, si è espresso oggi Riccardo Molinari: “La mozione andrebbe letta: esprimerci prima è prematuro. Non vogliamo la testa di Speranza ma visto che il governo ha forze diverse vorremmo che cambiasse anche la politica di Speranza”.