Catania, tangenziale bloccata per la protesta degli ambulanti-VIDEO

0
134

Da stamattina traffico in tilt sulla tangenziale ovest di Catania per la protesta degli ambulanti contro la scarsa attenzione del governo alle loro difficoltà economiche 

(Screenshot video)

L’imminente riapertura, lunedì prossimo, 26 aprile, di gran parte delle attività commerciali non placa le proteste di quelle categorie che si sentono discriminate in quanto non destinatarie dei ristori economici stanziati dal governo per mitigare le ricadute negative per quelle attività commerciali maggiormente penalizzate dalle misure restrittive anti-contagio da Covid. E così da stamattina è in corso la protesta dei venditori ambulanti  lungo la Tangenziale ovest di Catania.

LEGGI ANCHE –> I ristoratori bloccano l’A1 tra Orte e Attigliano: il VIDEO della protesta

La manifestazione è stata organizzata dagli aderenti al sindacato Fenailp per protesta contro la mancata erogazione di sussidi per il loro settore che versa in uno stato di enorme sofferenza a causa della marcata contrazione del volume d’affari per effetto dall’emergenza sanitaria in atto. In conseguenza del suddetto blocco il traffico è completamente paralizzato sin dalle prime luci dell’alba: lunghe file di mezzi si registrano in entrambe le direzioni.

Tangenziale Nord di Catania bloccata per la protesta degli ambulanti. Il commento del sindaco Giammusso

Intanto il sindaco del comune di Gravina di Catania, Massimiliano Giammusso, ha reso noto che è stata disposta la chiusura del relativo svincolo in entrata e in uscita. Qui di seguito, come riportato dal portale newsicilia.it, l’invito del primo cittadino Giammusso agli automobilisti a non immettersi in tangenziale:

LEGGI ANCHE –> Treno Napoli-Roma strapieno: scoppia la protesta dei viaggiatori

“In questo momento la nostra polizia municipale è impegnata in attività di supporto alla Polizia stradale su richiesta della Questura. Pertanto invitiamo i cittadini a non dirigersi verso gli svincoli di ingresso alla Tangenziale per evitare ulteriori ingorghi“.