Fedez contro tutti: l’attacco del cantante – VIDEO

0
264

Fedez si schiera a favore del Ddl Zan e attacca un senatore: “Non puoi fare il ca..o che ti pare”. Duro anche contro Draghi

Fedez
Fedez (Getty Images)

Con una serie di storie su Instagram Fedez ha parlato del Ddl Zan che tanto sta facendo discutere il web. Il cantante, come spesso succede quando esprime un’opinione, ha subiti attirato l’attenzione degli utenti.

Nonostante le oltre 300mila firme e il favore della maggioranza della Commissione Giustizia sia favorevole a calendarizzare il Disegno di Legge, ciò ancora non è avvenuto. È questo il pensiero del rapper milanese che si scaglia contro Andrea Ostellari, il presidente della Commissione in quota Lega Nord.

Ha deciso di fare il ca..o che gli pare, in barba alla democrazia“, ha detto. Alzando leggermente il tono della voce Fedez ha affermato che non deve avvenire una cosa del genere perché la maggioranza dei parlamentari che compongono la Commissione sono per la calendarizzazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp potrebbe non funzionare più dal prossimo 15 maggio

Fedez contro Draghi: “Non è una priorità del paese”

Fedez continua il suo discorso contro Ostellari attaccandolo ancora, perché non può essere vero quanto sostenuto dal senatore, ossia che una legge del genere potrebbe spaccare il governo. Non ha senso, secondo il cantante, perché è una legge d’iniziativa parlamentare.

Ne ha anche per Draghi che in questi giorni si è pronunciato sulla Super Lega “perché è fondamentale pronunciarsi, è una priorità del paese”, ma non ha detto nulla sul Ddl Zan ha affermato ironicamente. Poi ancora su Ostellari che con il suo modo di fare ha dimostrato di “deresponsabilizzarsi” e ha fatto non il presidente della Commissione Giustizia ma “commissione Lega“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Superbonus 110%, c’è la proroga fino al 2023: le novità sulle procedure

E allora, si rivolge al senatore, “fatti pagare dalla Lega, non dai cittadini“. L’accusa è di non seguire le regole basi della democrazia, ossia la linea della maggioranza. Chiude infine ancora con ironia: “Ostellari tu sei un senatore della Repubblica, non sei Beyoncé“.