Genocidio degli armeni, Joe Biden pronto a riconoscerlo

0
73

Genocidio degli armeni, attesa per il discorso del presidente americano in programma sabato prossimo. A rischio le relazioni diplomatiche

Joe Biden (Getty Images)

Sarà un evento che interesserà gli storici ma ancora di più le relazioni diplomatiche. Secondo il New York Times sabato 24 aprile il presidente americano Joe Biden riconoscerà lo stermino del popolo armeno perpetrato nei territori dell’impero Ottomano durante la Prima guerra mondiale, in particolare tra il 1915 e il 1916.

La data non è casuale ma coincide con il 106esimo anniversario dell’inizio dello sterminio. Dopo sabato a entrare in crisi saranno i rapporti diplomatici tra gli Stati Uniti e la Turchia, partner nell’Alleanza Atlantica e paese strategico per la gestione del Medioriente in nome della Nato.

La questione del genocidio degli armeni negli ultimi decenni è diventata spinosa perché non è solo una discussione nel mondo scientifico degli storici, se abbia avuto il fine di sterminare il popolo armeno come quello ebraico durante la seconda guerra mondiale, ma riguarda da vicino la Turchia e i rapporto con i paesi alleati. In tutto il mondo sono infatti trenta gli Stati che hanno riconosciuto lo sterminio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tajani chiede verifica sul coprifuoco entro 10 giorni

Genocidio degli armeni, la posizione della Turchia

Genocidio degli armeni
Manifestazione della comunità armena negli Usa (Getty Images)

La Turchia non ha mai accettato che si definisse “genocidio” i fatti avvenuti durante la Prima guerra mondiale. Nel conflitto l’Impero Ottomano era alleato con l’Austria-Ungheria, la Germania e l’Italia. La Russia era il grande nemico confinante e gli armeni furono accusati proprio di aver collaborato con lo Zar perché in cambio era stata promessa l’indipendenza con la nascita di un proprio Stato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “La mia vita distrutta da Beppe Grillo”. Spunta un selfie incriminante per il figlio Ciro

Secondo i turchi quegli episodi rientrarono in ‘ordinari’ rappresaglie del conflitto e avvennero sia da una parte che dall’altra. Inaccettabile per la Turchia è soprattutto il termine “genocidio” perché si sarebbe trattato di voler eliminare il “gene”, come era intenzione dei nazisti con il popolo ebraico.