Meteo, arriva una nuova perturbazione: ecco dove e quando colpirà

0
148

Ancora un giorno di tempo instabile, in prevalenza bello e da domani una nuova perturbazione si affaccerà sull’Italia causando una nuova ondata di piogge e temporali: sono queste le principali previsioni meteo di Protezione Civile ed Aeronautica Militare per lunedì 26 aprile. Vediamole nel dettaglio

Previsioni Meteo 26 aprile
(Photo by Chris Furlong/Getty Images)

Inziamo dal bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso nella tarda serata del 25 aprile e valido per tutto il giorno di lunedì 26 aprile. La cartina dell’Italia è COMPLETAMENTE verde e pertanto non sono presenti avvisi di meteo avverso o di allerta meteo specifiche.

Le previsioni meteo dell’Aeronautica Militare per il 26 aprile

Con i dati del bollettino ufficiale del servizio meteo dell’Aeronautica Militare del 26 aprile vediamo nel dettaglio cosa accade nelle singole regioni e quali sono le previsioni del tempo e i livelli delle temperature minime e delle temperature massime.

Nord Italia: – Cielo molto nuvoloso o comunque coperto con piogge in graduale estensione ed intensificazione su tutte le regioni del quadrante e in particolare su Piemonte e Liguria dove a fine giornata sarenno frequenti fino ad arrivare al livello di rovescio e temporale.

Centro Italia e Sardegna: – Molto nuvoloso su tutte le regioni peninsulare con nubi medio-alte e stratiformi con particolari addensamenti su Toscana, Umbria ed i settori appenninici. Cielo da poco nuvoloso a nuvoloso sulla Sardegna.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Clima: Aie, emissioni nel 2021 torneranno ai livelli record di 10 anni fa

Sud Italia e Sicilia: – Cielo sereno o poco nuvoloso su tutto il settore ad eccezione della Campania dove la nuvolosità sarà più in intensa con possibili piogge e rovesci. La nuvolosità si estenderà dal tardo pomeriggio su tutto il quadrante ad eccezione della Sicilia.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Giornata della Terra, Biden: “decennio decisivo”

Le temperature minime sono in generale aumento su tutta la Penisola ed in particolare sulla regioni del Sud. Le temperature massime sono stazionarie ma comunque nei limiti della media stagioale ad eccezione del calo previsto sulle regioni del Nord, sulla Toscana, sull’Umbria e sulle Marche.