Clima: Aie, emissioni nel 2021 torneranno ai livelli record di 10 anni fa

0
244

Clima: le emissioni di anidride carbonica, come pronostica l’Aie aumenteranno nel 2021 a ritmi allarmanti e andranno a raggiungere il livello più alto della storia, quello di 10 anni fa, avvenuto dopo la crisi finanziaria.

BERGHEIM, GERMANY – FEBRUARY 05: Steam rises from cooling towers at the Niederaussem coal-fired power plant on February 5, 2020 near Bergheim, Germany. According to the think tanks Agora Energiewende and Sandbag, CO2 emissions by power plants are down by 12% in comparison from 2018 to 2019 across the EU. Agora also reports that the percentage of electricity produced from renewable energy sources has risen to 35% across the EU. The Niederaussem power plant, operated by RWE, is Germany’s second-largest power station and produces approximately 27 million tons of emissions annually. (Photo by Lukas Schulze/Getty Images)

L’Aie (l’Agenzia internazionale dell’energia) ha pronosticato che i livelli di emissione del 2021 raggiungeranno quelli record di 10 anni fa, un dato negativo che all’allarma sul piano ambientale. Il rapporto è stato presentato nell’ambito del Global Energy Review. L’analisi dell’organizzazione ha stimato che emissioni di Co2 aumenteranno quest’anno arrivando quasi al 5% in più. Si tratterebbe di 33 miliardi di tonnellate. Questo significherebbe spezzare la curva positiva del calo di emissioni del 2020 in larga parte causato dall’abbassamento della produzione e dal blocco dell’economia mondiale dettato dalla pandemia da Covid-19.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La formula degli scienziati per catturare Co2

L’analisi parla di un incremento importante che costituirebbe il secondo più grande della storia – emissioni di Co2 che andranno in modo negativo ad impattare sull’ambiente se le stime dovessero essere confermate dai fatti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sostenibilità: l’impatto dei cosmetici sull’ambiente

Come ha dichiarato il direttore esecutivo dell’Aie, Faith BirolLe emissioni globali di carbonio  dovrebbero aumentare di 1,5 miliardi di tonnellate quest’anno, guidate dalla ripresa dell’uso del carbone nel settore energetico” . “Questo è un terribile avvertimento che la ripresa economica dalla crisi legata al Covid è attualmente tutt’altro che sostenibile per il nostro clima”. L’analisi debutta dopo il summit sul clima promosso dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. L’Aie  lancia il proprio allarme e un appello affinché le nazioni costituiscano “azioni immediate”.  A novembre si terra la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, a Glasgow. “Se i governi di tutto il mondo non si muovono rapidamente per iniziare a tagliare le emissioni, è probabile che nel 2022 dovremo affrontare una situazione ancora peggiore”, continua poi Birol.

L’Aie ha stimato anche l’aumento del 4,5% sulla domanda di carbone, quasi ai livelli del 2014, quando si raggiunsero numeri record. Sarà questo a parere dell’organizzazione il motivo principale dell’aumento delle emissioni di Co2.