Caso Suarez, il verbale del presidente della Juventus Andrea Agnelli

0
97

Caso Suarez, il verbale del presidente della Juventus Andrea Agnelli, è agli atti dell’inchiesta di Perugia sull’esame farsa del calciatore ex Barcellona.

Luis Suarez esultante
Luis Suarez (Getty Images)

La testimonianza del presidente della Juventus Andrea Agnelli , nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Perugia sull’esame farsa per l’ottenimento della cittadinanza italiana da parte del calciatore ex Barcellona, Luis Suarez , presenta alcuni importanti passaggi da valutare con attenzione. Dal verbale si evince che il presidente bianconero apprese dai giornali della trattativa riguardante il campione uruguaiano e che fu il vice presidente Pavel Nedved ad informarlo che il campione ex Barcellona si era offerto alla Juventus attraverso un sms.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Perugia, l’esame di italiano di Luis Suarez era truccato: Le intercettazioni

Caso Suarez il verbale di Andrea Agnelli. La sua versione 

” Ricordo che chiamai il calciatore  (Luis Suarez, ndr)  in un’unica occasione, per ringraziarlo di essersi proposto per un inserimento nella nostra squadra “. Il presidente bianconero aggiunge che provava stima per le qualità tecniche del giocatore uruguaiano e che la sua proposta fosse una nota di merito per la società, dal momento che si trattava di un grande giocatore che stava cercando un grande club come il Barcellona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Caso Suarez, arriva l’ammissione: “Sì, conoscevo le domande”

Alla domanda su quando e chi fu un informarlo delle difficoltà insormontabili riguardanti il ​​tesseramento di Suarez, il presidente della Juve ha risposto di non ricordare esattamente: ” Ma ritengo per logica Paratici “. In quel periodo il presidente bianconero era in isolamento volontario dopo essere stato in contatto con il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis , risultato positivo al Covid, durante l’assemblea della Lega Calcio del 9 settembre.

Andrea Agnelli ricorda come al suo rientro la società bianconera si stesse muovendo attivamente per acquistare il centravanti della Roma, Dzeko. Ad inizio del mese di settembre, il presidente bianconero è stato informato ” che l’ingaggio di Suarez era di difficile realizzazione perché era il risultato che lo stesso non aveva la cittadinanza comunitaria “.

Una stagione difficile per la Juventus

Sembra piovere sul bagnato. Una stagione così complicata per la Juventus non era nemmeno lontanamente immaginabile. Un campionato mediocre dove si insegue il risultato minimo rappresentato dalla qualificazione in Champions League, il flop della Superlega e il caso Suarez che non fa dormire sonni tranquilli alla proprietà ed alla dirigenza bianconera. Per il presidente Agnelli ed i suoi collaboratori si prevedono settimane in cui non sarà facile gestire una situazione complessiva che ha tutta l’aria di essere una rosa con tante spine.