Lorenzo Lavezzo: il giallo dell’uomo scomparso da sette mesi

0
378

Cosa sappiamo di Lorenzo Lavezzo: il giallo dell’uomo di Arzignano scomparso da sette mesi sull’altopiano di Asiago.

Lorenzo Lavezzo

Da ormai sette mesi non si hanno notizie di un uomo veneto: si tratta di Lorenzo Lavezzo, 58 anni. L’uomo vive ad Arzignano in provincia di Vicenza e domenica 20 settembre si trovava con il fratello sull’altopiano di Asiago. I due fratelli, secondo quanto si apprende, erano in località Campolongo, a Rotzo. A un certo punto, del 58enne si perdono le tracce.

Ti potrebbe interessare anche —> Denise Pipitone, Piera Maggio e la voce della bambina intercettata

Lorenzo Lavezzo infatti era uscito da solo per andare a funghi, ma non ha fatto più rientro. A quel punto, suo fratello ha lanciato l’allarme. Da allora, appunto, sono passate prima settimane e poi mesi. Dopo la sua scomparsa, avvenuta nel pomeriggio di domenica 20 settembre, le ricerche sono scattate sull’Altopiano di Asiago, all’altezza del Monte Verena.

Ti potrebbe interessare anche —> Denise Pipitone, spuntano nuovi documenti inediti a Chi l’ha Visto

Che fine ha fatto Lorenzo Lavezzo: il giallo dell’uomo scomparso da mesi in Veneto

Del caso si è occupata anche la trasmissione televisiva ‘Chi l’ha visto?’, che ha lanciato un appello da parte della famiglia a dare notizie utili per il ritrovamento, ma anche alcune indicazioni utili sull’uomo. Capelli e occhi castani, alto un metro e 76, Lorenzo Lavezzo al momento della scomparsa indossava gilet, camicia,jeans, scarponi. Si è allontanato con un cesto per funghi, ma a distanza di mesi questo è un particolare che è destinato a passare in secondo piano.

Dopo la sua scomparsa, sulle sue tracce si misero immediatamente una cinquantina di persone del soccorso alpino di Asiago, Arsiero, Padova, Vicenza speleo, vigili del fuoco, carabinieri forestali, polizia locale, vigilanza boschiva di Rotzo, 6 unità cinofile. Dell’uomo, non vennero trovate tracce, per cui dopo che nei primi giorni si è pensato che non ce l’avesse fatta, ora la speranza è che davvero dopo l’allontanamento possa aver perso la memoria o altro.