Variante indiana, fiducia da Pfizer-BioNTech: “Il nostro vaccino è efficace”

0
233

Secondo quanto dichiarato dallo scienziato co-fondatore di BioNTech, Ugur Sahin, ci sono tutti gli elementi per considerare il vaccino Pfizer efficace contro la variante indiana.

vaccino pfizer efficace contro la variante indiana del covid
Credit: Sean Gallup – Pool / Getty Images

La variante indiana del Covid-19 ha riacceso l’incubo pandemico in Italia e in Europa. Secondo l’ultimo report settimanale dell’Oms la mutazione del virus è già stata sequenziata in 17 Paesi. Nel territorio italiano sarebbe stata importata da una famiglia rientrata in Veneto alcune settimane fa dall’India per il pellegrinaggio e il bagno nel Gange.

Per evitare che la pericolosa variante si diffonda senza controllo nel Paese, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha disposto restrizioni per chi arriva dall’India. Fondamentale per il contenimento dei contagi sarà l’aumento progressivo delle somministrazioni dei vaccini. Tra quelli finora inoculati in Italia, quello di Pfizer-BioNTech ha già raccolto elementi importanti che proverebbero la sua efficacia anche sulla variante indiana.

Ti potrebbe interessare anche -> Variante indiana, Speranza: “Ingresso vietato in Italia a chi è stato in India negli ultimi 14 giorni”

BioNTech fiduciosa: “Vaccino Pfizer efficace contro la variante indiana”

Ugur Sahin, scienziato tedesco e co-fondatore dell’azienda BioNTech, ha spiegato di essere fiducioso in merito all’effetto inibitorio del vaccino Pfizer verso la variante del Covid nata in India. “La stiamo ancora testando – ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa – ma ha una mutazione che già abbiamo testato e contro le quali il nostro vaccino funziona”. Sulla base di questo, Sahin si è detto fiducioso.

Ti potrebbe interessare anche -> Oms: variante indiana “potrebbe essere più trasmissibile”

Durante l’incontro con la stampa, l’immunologo ha parlato anche della durata della protezione del siero anti-Covid, che dovrebbe necessitare ulteriori richiami dopo la seconda dose: “I dati sui vaccinati ci mostrano che la risposta immunitaria scende con il tempo – ha evidenziato – Una terza dose sarà probabilmente necessaria fra 9 e 12 mesi dopo la prima, e ancora periodicamente ogni 12-18 mesi”.