Igor il Russo condannato in Spagna: la pena è l’ergastolo

0
63

Per Igor il Russo, detenuto in Spagna dopo essere stato arrestato nel 2017, il giudice ha stabilito la condanna all’ergastolo. Il criminale si è macchiato di numerosi omicidi.

spagna, igor il russo condannato all' ergastolo
Igor il Russo

Norbert Feher, meglio conosciuto come Igor il Russo, è stato condannato in Spagna all’ergastolo, la massima pena possibile, per uno dei tre omicidi del 2017 di cui è considerato colpevole. Si tratta dell’assassinio dell’allevatore José Luis Iranzo. La condanna potrà essere sospesa eventualmente dopo 30 anni di carcere, a determinate condizioni.

Per gli altri due omicidi, quelli degli agenti della Guardia Civile Victor Romero e Victor Jesus Caballero, il giudice ha stabilito una pena di 25 anni ciascuno. Il killer ha compiuto tutti e tre gli assassinii in Aragona. Oltre a scontare gli anni di carcere, dovrà anche risarcire le famiglie delle vittime con più di tre milioni di euro.

Ti potrebbe interessare anche -> Giorgio Pietrostefani arrestato a Parigi: condannato per l’omicidio Calabresi

Igor il Russo condannato all’ergastolo: dagli omicidi in Italia alla fuga in Spagna

Il pericoloso criminale di origini serbe si era rifugiato in Spagna per fuggire dalla caccia all’uomo della polizia italiana, dopo aver commesso due omicidi tra Bologna e Ferrara, per cui è stato condannato all’ergastolo in appello. Nell’aprile del 2017 infatti, dopo un tentativo di rapina, uccise il proprietario di un bar bolognese, Davide Fabbri, e sparò a due agenti della polizia provinciale ferendo a morte Valerio Verri.

Ti potrebbe interessare anche -> George Floyd, l’agente Chauvin condannato per omicidio

Igor il Russo fu poi arrestato in Spagna al termine di una lunga latitanza, dopo aver seminato il panico nella provincia di Teruel, nell’est della Spagna. Lì sparò prima a due abitanti della zona, che si salvarono per miracolo, poi dopo essersi introdotto nella fattoria di Iranzo lo assassinò con due colpi di arma da fuoco. Pochi minuti dopo uccise anche i due agenti intervenuti sul posto, Romero e Caballero. Dopo aver compiuto i tre omicidi, il killer fuggì a bordo di un’auto ma in seguito a un incidente in piena notte venne catturato dalle forze dell’ordine spagnole.