Meteo, al Nord è ancora inverno: ecco cosa succede al Centro e al Sud

0
198

Le previsioni del servizio meteo dell’Aeronautica Militare, del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile e del meteorologo Giuliacci di oggi, giovedì 6 maggio, indicano un’Italia divisa in due, residuo di inverno al Nord e Primavera inoltrata al Centro e al Sud. Temperature in risalita. Vediamo tutti i dettagli

Previsioni Meteo 6 maggio

Iniziamo con i dati presenti nel bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso la sera del 5 maggio e valido per tutta la giornata di oggi giovedì 6 maggio. La cartina dell’Italia è completamente verde quindi non sono presenti avvisi di meteo avverso ne specifiche allerta locali.

Il servizio meteo dell’Aeronautica Militare

Cosa accade nelle singole regioni d’Italia è previsto nei dati del bollettino ufficiale del servizio meteo dell’Aeronautica Militare del 6 maggio.

Nord Italia: – Parzialmente nuvoloso su tutto il quadrante ed in particolare su Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia con precipitazioni diffusa ma di leggera entitò quota neve ai 1400 metri. Gli annuvolamenti saranno stratiformi da fine giornata con residue precipitazioni.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Insetto come alimento, l’Unione Europea dà la prima approvazione

Centro Italia e Sardegna: – Cielo sereno o poco nuvoloso in particolare su Toscana e Lazio. Nuvolosità in completo dissolvimento, ad eccezione delle aree montane di Umbria, Marche e Abruzzo, con relative ampie schiarite dal tardo pomeriggio.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Ambiente: il Bayer Monaco passerà ai biglietti digitali

Sud Italia e Sicilia: – Cielo prevalentemente sereno, o poco velato da nuvole poco significative, su tutto il territorio. Fa eccezione la Sicilia dove sono previste nel pomeriggio deboli piogge locali.

Meteo 6 maggio, il video del meteorologo Giuliacci

Le temperature minime sono stazionarie su tutto il territorio nazionale ed eccezione delle lievi diminuzioni previste su Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto e sulle aree prealpine. Le temperature massime sono stazionarie ma comunque sopra la media stagionale su tutta Italia ad eccezione degli aumenti previsti su Calabria, Puglia e Sicilia.