Coprifuoco, Di Maio guarda al 16 maggio per superarlo: “Data possibile”

0
210

Coprifuoco, Di Maio indicata la data oltre la quale potrebbe essere abolito. Nella maggioranza si discute anche sul prolungamento estivo

Coprifuoco
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio (Getty Images)

La data auspicabile per abolire dal coprifuoco è il 16 maggio: “Tutti vogliamo uscire da questo incubo”. Queste le parole del ministro degli esteri Luigi Di Maio a L’aria che tira su La 7. Il ministro però mette già le mani avanti e avverte che questa misura non sarà un liberi tutti.

Nel suo intervento Di Maio non ha parlato solo del Covid ma della situazione politica in generale e della larga maggioranza che regge il governo di Mario Draghi e in particolare dei rapporti con il centrodestra e al suo interno. Il titolare del dicastero ha detto che la competizione tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni è legittima ma questa non deve ricadere sul governo definito “della nazione”, al lavoro per uscire dalla pandemia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Piscine e palestre: regole definite per le riaperture

Coprifuoco: “Forza Italia chiederà abolizione o spostamento alle 24”

Il coprifuoco è una questione che non riguarda solo l’Italia. Di Maio ha infatti dichiarato che si sente con i colleghi di paesi europei e non per cooperare in vista delle vacanze estive, volano per la ripresa economica. Si dovranno però tenere sotto osservazione i dati nelle prossime settimane.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, novità sulla seconda dose di Pfizer, Moderna e AstraZeneca

All’interno della maggioranza che sostiene il governo prosegue il dibattito. Roberto Occhiuto, capogruppo alla Camera di Forza Italia, a Rainews 24 ha detto che il suo partito chiederà l’abolizione del coprifuoco o lo spostamento alle ore 24 sostenendo che “se si riduce il tempo nel quale possono uscire gli italiani, probabilmente gli assembramenti si fanno con più facilità”. Anche Annamaria Parente di Italia Viva è dello stesso parere, allungare il coprifuoco in estate aiuterà anche tanti italiani che vivono in condizioni disagiate di stare all’area aperta.