Francesca Fioretti: la vedova di Astori torna a parlare del marito

0
225

Francesca Fioretti è da qualche giorno in libreria con Io sono più amore: ha messo nero su bianco le sensazioni provate

Francesca Fioretti
Francesca Fioretti (foto Instagram)

A Vittoria, nostra figlia“, è questa la dedica del libro di Francesca Fioretti. La compagna dell’ex capitano della Fiorentina, scomparso improvvisamente a causa di un malore nel marzo 2018 a Udine, ha pubblicato Io sono più amore. Un canto di forza, dolore, rinascita. L’annuncio è stato dato dalla donna qualche giorno fa sul suo profilo Instagram, dando ai follower anche un estratto.

“Sei ferma nell’amore, quando dentro e attorno senti lui, e dentro e attorno senti il dolore e non pensi a fuggire, non pensi a ribellarti” ha scritto nel lungo post con tante altre parti del libro.

Francesca si racconta intimamente, dal rapporto con Davide alla nascita della piccola Vittoria. Poi quel giorno che sconvolse il calcio, lo sport in generale e la sua vita. Una figlia da crescere da sola senza che quel compagno che ora tutti conosco e ricordano a causa di quella malattia al cuore non diagnosticata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cittadella, D’Urso indagato per omicidio stradale: i dettagli dell’incidente

Francesca Fioretti, il libro dopo la condanna del medico

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesca Fioretti (@francesca_fioretti)

Il libro è uscito il 6 maggio, pochi giorni dopo la sentenza che ha condannato il professor Giorgio Galanti, ex direttore di Medicina Sportiva dell’ospedale i Careggi che un anno prima della morte di Astori gli concesse l’abilitazione agonistica. Per il medico la condanna a un anno con pena sospesa e al risarcimento di 1 milione di euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morte di Davide Astori, condannato il medico sportivo: l’accusa

Francesca Fioretti era presente in aula a differenza dell’imputato, l’unico nel procedimento per la morte del calciatore. L’avvocato difensore si è detto sorpreso perché secondo la perizia ordinata dal Gup sarebbe stato difficile far emergere il problema cardiaco del calciatore, anche con esami più approfonditi. Il legale ha annunciato il ricorso in appello in attesa di leggere le motivazioni della sentenza.