Francesco Pannofino ed il drammatico legame con il caso Moro

0
379

Francesco Pannofino è stato suo malgrado protagonista del rapimento di Aldo Moro di cui il 9 maggio ricorre il 43° anniversario della morte

Francesco Pannofino

Il popolare attore e doppiatore Francesco Pannofino, 63 anni il prossimo 14 novembre, sarà ospite il 9 maggio del salotto di Mara Venier a Domenica In. Il 9 maggio è una data importante nella Storia d’Italia, è la data in cui fu ucciso Aldo Moro. Un evento che di fatto ha cambiato il corso delle vicende del Paese.

Un fatto del quale l’attore nato a Pieve di Teco in provincia di Imperia, ma ormai romano a tutti gli effetti, è stato suo malgrado protagonista. Ripercorriamo quei tragici fatti. E’ la mattina del 16 marzo 1978 il giovane Francesco Pannofino, trasferitosi con la famiglia a Roma sei anni prima, esce presto di casa per andare all’Università La Sapienza dove deve sostenere l’esame di algebra.

—>>> Ti potrebbe interessare Andrea sulle orme del padre: chi è il figlio di Francesco Pannofino

Non è banale il posto dove Francesco vive con i suoi genitori, un posto che entrerà nella Storia d’Italia, Via Mario Fani un vialone che collega Via Trionfale con Via Stresa. Pannofino come tutte le mattine si avvicina alla fermata dell’autobus quando sente una serie infinita di spari e urla a poche centinaia di metri da lui.

E’ l’agguato con cui le Brigate Rosse rapiranno Aldo Moro e uccideranno Il maresciallo dei Carabinieri Oreste Leonardi, l’appuntato dei carabinieri Domenico Ricci, il brigadiere della Polizia di Stato Francesco Zizzi, il poliziottoRaffaele Iozzino ed il giovanissimo collega Giulio Rivera. Il Presidente della Democrazia Cristiana, come detto, verrà freddato dopo 55 giorni di prigionia il 9 maggio 1978.

—>>> Ti potrebbe interessare Aldo Moro, 43 anni fa il rapimento e la strage in via Fani

Francesco Pannofino e la canzone sul sequestro di Aldo Moro

Pannofino, spaventatissimo, come normale che sia, dagli eventi si nasconde in un portone. Dopo pochi minuti, ripresosi dallo shock, corre in direzione del tragico teatro dei fatti ed arriva per primo ad assistere al macabro spettacolo.

Negli anni l’attore e doppiatore non ha mai parlato volentieri di quanto accaduto ma nel 2012 ha deciso di riversare le emozioni compresse nel testo di una canzone Il sequestro di Stato.

Oggi 9 maggio, 43° anniversario della morte di Aldo Moro, in occasione dell’ospitata da Mara Venier per presentare con Vanessa Incontrada ed Alessandro Haber la sua ultima fatica, “Ostaggi” per la regia di Eleonora Ivone, Pannofino potrebbe fornire qualche particolare in più su quel tragico vissuto. Ricordiamo che Francesco Pannofino è attualmente candidato al Premio David di Donatello per il film La Partita pellicola di esordio di Francesco Carnesecchi.