Roberto Angelini, guai per il musicista di Propaganda Live

0
215

Roberto Angelini, fu Facebook ha raccontato che è costretto a pagare 15.000 euro a causa del tradimento di un’amica

Foto Facebook

A dare la notizia è il diretto interessato, il musicista della Propaganda band Roberto Angelini. Sul Facebook si è sfogato con quanto successo, con un’amica che gli ha causato una multa di 15.000 euro per una denuncia alla Guardia di Finanza.

La delusione e le lacrime (dalla foto che ha pubblicato è evidente che ha gli occhi lucidi ed è chiara la delusione in volto, nonostante la mascherina) non sono tanto per i soldi che dovrà sborsare ma per il tradimento subito. Il musicista è anche un ristoratore e come tanti imprenditori in questo settore ha fatto tanti sacrifici per non andare a fondo in un periodo così difficile.

Ha provato a limitare la cassa integrazione per i dipendenti, dieci persone. Nel post ha spiegato che sta provando a ripartire allestendo uno spazio all’aperto perché ora non ce l’ha, ma è arrivata la batosta della multa di 15000 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stasera in TV 14 maggio, cosa vedere: Top dieci o L’Isola dei Famosi

Roberto Angelini, multa per lavoro nero

Roberto Angelini (Foto Facebook)

La multa è arrivata per lavoro nero. Il musicista ha fatto capire che a segnalare tutto alla Guardia di Finanza è stata un’amica – che bada bene a scrivere questa parola tra virgolette – bisognosa di aiuto. Lui le diede così lavoro, una persona con la quale aveva una certa confidenza tanto che aveva anche dormito a casa sua.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rosalinda Celentano, la malattia e le sue conseguenze: cosa è successo

“Capisco le giuste lotte per riconoscere i diritti dei rider che lavorano per grandi multinazionali del delivery – ha detto –  ma un piccolo imprenditore cosa avrebbe potuto fare?“. Tutta colpa di una persona che definisce pazza e incattivita dalla vita. Una delusione pensata ma che si vuole mettere subito alle spalle. Vuole tornare a sorridere, dice, e a parlare di musica, scusandosi per aver utilizzato il mezzo social per sfogarsi.