Propaganda Live senza Rula Jebreal: rifiuta l’invito perchè unica donna nel programma

0
189

Rula Jebreal ha rifiutato l’invito a Propaganda Live perché unica donna presente. Eppure la trasmissione è da sempre attenta al politicamente corretto.

Diego Bianchi apre Propaganda Live soffermandosi sul ‘caso Rula Jebreal‘. La giornalista avrebbe dovuto partecipare per discutere la crisi israelo-palestinese, ma ha rinunciato dopo aver visto che il suo nome – in un tweet del programma – era inserito in una lista comprendente altri 7 ospiti di sesso maschile, senza altre donne invitate.

“Siamo diventati noi la notizia e questo ci sorprende. Avevamo deciso di raccontare quelli che sta succedendo tra Israele e Palestina con un’ospite, la giornalista Rula Jebreal. Non la conosco, ci siamo parlati ieri sera ed eravamo molto contenti di avere la sua competenza in trasmissione. Il venerdì mattina utilizziamo i social per comunicare quali sono gli ospiti della puntata. Noi inseriamo un po’ tutti quanti”, dice Diego Bianchi

Rula Jebreal si sarebbe trovata unica donna tra 7 uomini e per coerenza ha scelto di non venire. “Rula non conosce la nostra trasmissione altrimenti saprebbe che questo programma, tra tante difficoltà e tanti errori, ha vinto il Diversity Award”, afferma ancora il presentatore.

“Chiamiamo una persona in trasmissione perché è competente, non per il sesso. Chiudo dicendo che l’episodio è spiacevole perché avevamo chiamato Rula Jebreal non in quanto donna. Ci sembrava la persona migliore, per storia e competenze, per intervenire. Mi dispiace, qui saremo tutti uomini e non ci sarà nessuno a parlare di Palestina con quell’approccio che avremmo voluto condividere”, dice Diego Bianchi dando inizio alla puntata.

Propaganda Live senza Rula Jebreal: chi è l’ospite

Rula Jebreal è una giornalista palestinese conosciuta da molti anni nella televisione italiana ed è tra le presentatrici del Festival di Sanremo, dove ha recitato un monologo sulla violenza contro le donne. Jebreal, che ha 47 anni, porta avanti le posizioni pro-Palestina.

Jebreal è nata a Haifa, in Israele: suo padre era un imam di Gerusalemme con origini nigeriane; la madre di Jebreal si uccise quando lei era piccola «dopo un’infanzia di violenze tra i 13 e i 18 anni», ha detto in un’intervista a Vanity Fair spiegando la decisione del tema del suo monologo a Sanremo. Jebreal crebbe in un collegio di Gerusalemme e negli anni Novanta si trasferì in Italia grazie a una borsa di studio con la quale si diplomò in fisioterapia a Bologna.

POTREBBE INTERESSARTI: Arisa, perché è diventata la paladina del body positive

Cominciò a lavorare nei giornali locali prima scrivendo di cronaca e poi di politica estera, e grazie al suo attivismo per la causa palestinese fece le sue prime apparizioni televisive all’inizio degli anni Duemila. Dopo aver trovato lavoro come redattrice a La7, iniziò una rapida carriera nella rete conducendo prima l’edizione notturna del telegiornale e poi l’edizione estiva del talk show mattutino Omnibus. Raggiunse però la vera notorietà collaborando con Michele Santoro nella trasmissione Annozero.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rula Jebreal (@rulajebreal)