Berlusconi, la Corte europea interroga l’Italia su processo e condanna

0
358

Nel 2013 Silvio Berlusconi fu condannato per frode fiscale: adesso, a distanza di otto anni, la Corte europea chiede all’Italia delucidazioni in merito alla regolarità del processo.

berlusconi, corte europea chiede spiegazioni sul processo
Credit: Franco Origlia/Getty Images

Dopo otto anni dalla condanna per frode fiscale a Silvio Berlusconi, resa definitiva dalla sentenza della Cassazione, la Corte europea dei diritti dell’uomo interroga l’Italia sull’equità del processo. A renderlo noto è il Corriere della Sera, sottolineando che adesso il governo dovrà fornire una risposta entro il prossimo 15 settembre. Le domande avanzate dai giudici di Strasburgo sarebbero dieci.

La condanna del 1° agosto 2013 ha comportato al fondatore di Fratelli d’Italia la decadenza dalla carica di senatore e quattro anni di reclusione, di cui uno condonato. Dopo aver scontato la pena e ottenuto la riabilitazione, Silvio Berlusconi è poi stato rieletto al Parlamento europeo. Nonostante questo, la sentenza ancora oggi continua però ad avere ripercussioni: per esempio, a causa della perdita dei requisiti di “onorabilità”, viene contestato il diritto della Fininvest a detenere le quote eccedenti il 9,99% di Banca Mediolanum.

Ti potrebbe interessare anche -> Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele per problemi di salute, dimesso ieri

L’interrogazione della Corte europea sul processo di Silvio Berlusconi

“Il ricorrente signor Silvio Berlusconi ha beneficiato di una procedura dinanzi a un tribunale indipendente, imparziale e costituito per legge? Ha avuto diritto a un processo equo? Ha disposto del tempo necessario alla preparazione della sua difesa?”. Sono queste alcune delle domande riportate dal Corriere della Sera che i giudici di Strasburgo hanno posto al governo italiano.

Ti potrebbe interessare anche -> Silvio Berlusconi bufala sulla morte, Zangrillo: “Vivo e fatevene una ragione”

Secondo i legali dell’ex Cavaliere, durante il processo che ha portato alla condanna ci sarebbero state delle presunte violazioni dei diritti della difesa, come i mancati riconoscimenti del legittimo impedimento di Berlusconi a partecipare a cinque udienze, il taglio dei testimoni, la mancata traduzione in italiano di documenti e altro ancora. Le contestazioni erano già state respinte dai giudici di merito e di legittimità italiani e per questo la difesa dell’ex presidente del Consiglio aveva deciso di rivolgersi alla Corte europea.