Denise Pipitone, lettera anonima a Chi l’ha visto?: “Non parlo per paura”

0
498

Denise Pipitone, lettera anonima recapitata anche alla trasmissione dopo l’invio all’avvocato di Piera Maggio: “Sono sicuro di cosa dico”

Chi l'ha visto?
Screen

La settimana scorsa l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, aveva rivelato in diretta televisiva di aver ricevuto una lettera anonima e lo aveva fatto proprio in collegamento con Chi l’ha vista? che ora dal misterioso autore ha ricevuto una copia.

Come già il legale aveva rivelato, alcuni contenuti sono inediti e anche riscontrati. A scrivere è quindi una mano credibile e l’avvocato lo aveva detto in trasmissione perché, aveva detto, è l’unico modo che aveva per parlare con chi aveva scritto la lettera.

“Sono diciassette anni che so” ha scritto l’autore, e che finora non ha parlato per paura. Fa anche riferimento a testimoni oculari e dice di essere sicuro al cento per cento di quello che sostiene. Anche Piera Maggio si è rivolto al mittente della lettera chiedendo di fare un passo avanti “nella massima riservatezza” per mettere fine al dolore che va avanti da diciassette anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, Battista Della Chiave testimone: cosa disse all’epoca

Denise Pipitone, dalla Russia alla nuova indagine: quali sono state le novità

Denise Pipitone, perchè non ha il cognome dei suoi genitori? (YesLife)

Negli ultimi mesi, a partire dal caso di Olesya Rostova, il vicenda della scomparsa di Denise Pipitone è tornata di nuovo sotto i riflettori della cronaca anche se programmi come Chi l’ha visto? hanno sempre tenuto alta l’attenzione.

A seguire c’era stata una nuova perquisizione in quella che fu la casa di Anna Corona e la comparazione con il Dna di una ragazza di Scalea, di origine rumena, che si pensava potesse essere Denise.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, parla Felice Grieco: “Volevo trattenerla, non ho potuto”

Si attendono novità anche dalla nuova inchiesta aperta dalla Procura di Marsala che indaga per depistaggio dopo le dichiarazioni di Maria Angioini, il magistrato che per prima indagò sulla scomparsa e che nelle scorse settimane alla trasmissione di RaiDue Ore 14 aveva dichiarato che subito dopo la scomparsa alcune persone intercettate sapevano di avere il telefono sotto controllo.