Elena Denisa, la ragazza di Scalea e il mistero di Denise Pipitone

0
1693

A Pomeriggio 5 parla per la prima volta Elena Denisa, la ragazza di Scalea e il mistero di Denise Pipitone.

(screenshot video)

Si chiama Elèna Denisa e dice di essere nata in Romania il 4 maggio 2002, come riportato anche sulla sua carta d’identità, e di non avere dubbi su chi siano i suoi genitori. Pochi minuti fa, a Pomeriggio 5, si è consumata l’ennesima puntata della vicenda che riguarda la scomparsa di Denise Pipitone. Stavolta, l’involontaria protagonista è una ragazza romena che vive a Scalea, in provincia di Cosenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Denise Pipitone, indagini in corso su una giovane di Scalea

E che sarebbe stata interrogata dai militari dell’Arma dei Carabinieri della locale tenenza per chiarire alcune segnalazioni sul suo conto. Sono due le commercianti della cittadina calabrese che sostengono la tesi secondo la quale ci sarebbe in paese una ragazza di una ventina d’anni che assomiglierebbe a Denise Pipitone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Denise Pipitone, chi è la ragazza di Scalea: 20 anni di origini romene

La reazione di Elèna Denisa: smentisce di essere Denise Pipitone

(screenshot video)

Stando al racconto della ragazza, che ha scelto di intervenire in diretta televisiva a Pomeriggio 5 per smentire di essere Denise Pipitone e ridimensionare questo incredibile polverone mediatico che l’ha travolta, sarebbe nata e cresciuta in Romania. Nulla avrebbe a che fare la sua famiglia con vicende di rapimenti, né proverrebbe da una famiglia di etnia rom, come falsamente indicato. Anche la somiglianza con la bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004 lascia un po’ il tempo che trova.

A quanto pare, la cicatrice che avrebbe sulla guancia e che si evidenzia soprattutto quando sorride se la sarebbe procurata quando era piccola, in campagna dai nonni, una ferita poi curata in maniera “domestica” e che quindi avrebbe lasciato un segno evidente. Inoltre, la giovane ha spiegato che a sei anni e mezzo si sarebbe trasferita in Calabria con la madre, che avrebbero anche vissuto in altre parti d’Italia e da qualche mese avrebbe fatto ritorno a Scalea. Senza nemmeno troppe pressioni, sicura del fatto suo, ha sottolineato di essere pronta a fare il test del Dna, per fugare ogni dubbio.