Il prezzo della benzina è a livelli record: quanto costa un litro

0
153

Il prezzo della benzina ha raggiunto un costo record: un litro ”viene” quasi 1.60 euro. Aumento del 16.7% rispetto a maggio 2020

prezzo benzina
Il costo della Benzina ha raggiunti livelli Record (Getty Images)

Non si placa l’aumento del costo della benzina. Un litro costa quasi 1.60 euro e sta arrivando ad un prezzo record. Secondo le rivelazioni, che lo Sviluppo Economico attua settimanalmente, il costo è preciso è di 1,593, una settimana fa era di 1,588. Inoltre, secondo il Codacons la benzina costa il 16,7% in più rispetto a maggio 2020.

Anche il gasolio ha subito un incremento di prezzo: costa 1,452 euro al litro, sette giorni fa 1,447. Sempre secondo il Codacons, il gasolio, ha avuto un incremento di prezzo del 15,7% rispetto ad un anno fa.

Per visionare il Profilo Twitter Codacons Clicca QUI

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Bonus vacanze, in arrivo l’estensione del beneficio

Il prezzo della benzina in aumento, la richiesta dell’Assoutenti

L’associazione Assoutenti, che si occupa della tutela dei consumatori, attività di informazione, solidarietà sociale e tutela dei diritti civili, educazione al consumo, si è rivolta tramite un appello all’esecutivo: “Chiediamo al Governo Draghi di intervenire sull’abnorme tassazione che vige sui carburanti, perché è intollerabile che oggi su un litro di benzina ogni automobilista paghi quasi il 64% di tasse (il 60,7% sul gasolio) a causa di Iva e accise che nessun Governo ha mai avuto il coraggio né di tagliare, né di sterilizzare quando si verificano forti rialzi delle quotazioni”.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Auto elettriche: tra 6 anni costeranno meno delle termiche

Il presidente Furio Truzzi ha affermato, come riporta QuiFinanza.it,: “Rispetto allo stesso periodo del 2020 la benzina costa il 16% in più, con un maggior esborso pari a +266 euro annui a famiglia per la verde, +230 euro per il diesel. Questo significa una stangata su base annua pari a 6,5 miliardi di euro solo per i maggiori costi di rifornimento sostenuti dalle famiglie a causa dei rialzi dei listini alla pompa”.