Piero Pelù e Aldo Cazzullo in tour per rileggere la Divina Commedia in chiave rock

0
259

Da lunedì 7 giugno parte da Piazza Santa Croce, a Firenze, il tour di Piero Pelù e Aldo Cazzullo «A riveder le stelle», un racconto teatrale che unisce il rock alle parole di Dante.

La “strana” coppia Aldo Cazzullo – Piero Pelù in tour con una rilettura in chiave rock di Dante Alighieri. Il debutto è per il 7 giugno a Firenze, Piazza Santa Croce. Il progetto, A riveder le stelle, è co-promosso dal Comune di Firenze e dall’Opera di Santa Croce con la collaborazione organizzativa del Teatro Puccini. La regia è di Angelo Generali mentre la produzione è di Corvino Produzioni – Sito Ufficiale.

Lo spettacolo è tratto dal libro A riveder le stelle, Dante il poeta che inventò l’Italia, di Cazzullo. Il successo editoriale del giornalista del Corriere della Sera vuole essere un racconto teatrale sul più grande poeta della storia dell’umanità. Un racconto, quello del giornalista, che avrà proprio come la Divina Commedia due guide: un narratore – interpretato dallo stesso Cazzullo- accompagnato dalle letture rock della Divina Commedia di Piero Pelù.

«In questi mesi è stato sviluppato uno strettissimo legame tra Amministrazione e
Opera di Santa Croce in nome di una unione di intenti volta alla valorizzazione del complesso monumentale all’interno della cornice cittadina – dichiara l’assessore alla cultura del Comune di Firenze Tommaso Sacchi – e questo spettacolo si inserisce proprio in questo percorso comune che mira alla maggiore visibilità, conoscenza e fruibilità del bene. Siamo certi che l’evento che debutta proprio a Santa Croce saprà far rivivere Dante e le sue opere grazie al racconto di Aldo Cazzullo e alla musicalità di Piero Pelù. Da Firenze il tour proseguirà svelando un pezzo dell’opera e della vita del nostro concittadino più illustre in tutta Italia e aggiungendo un nuovo tassello alle celebrazioni per il 700esimo anno dalla morte».

POTREBBE INTERESSARTI: Morgan, la mia canzone per Franco Battiato

Le date del tour estivo
7 giugno Firenze – Piazza S. Croce
10 giugno Trento – Teatro Sociale (TRENTO FILM FESTIVAL)
17 giugno Montecchio (VI)  – Castello di Romeo
18 giugno Pavia  –  Castello Visconteo
23 giugno Caorle (VE) – Piazza Vescovado
24 giugno Cervia (RA) – Arena dello Stadio dei Pini (RAVENNA FESTIVAL)
26 giugno Alba (CN) – PalaAlbaCapitale
29 giugno Caprarola (VT) – Palazzo Farnese (CAFFEINA FESTIVAL)
1 luglio Nora Pula (CA) – Teatro Romano (FESTIVAL LA NOTTE DEI POETI)
2 luglio Pratovecchio (AR) – Piazza Landino
3 luglio Urbisaglia (MC) – Anfiteatro Romano
4 luglio Pesaro – Anfiteatro del parco Miralfiore

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Piero Pelù (@pieropelufficiale)

Chi è Aldo Cazzullo

Aldo Cazzullo non è propriamente un musicista né un cantante, Cazzullo infatti è noto al pubblico per essere un giornalismo italiano, che durante la sua carriera si è occupato di intervistare numerosi personaggi famosi del mondo dello spettacolo e della politica, lavorando prima per La Stampa e poi per Il Corriere della Sera.

Testimone celebre di alcuni degli eventi più importanti della storia moderna, Cazzullo ha firmato anche numerosi libri, divenuti casi editoriali, compreso quello scritto insieme ai figli. 

La sua carriera è sfavillante: non sorprende che il suo sia uno dei nomi più interessanti del giornalismo. Ha intervistato alcuni dei più noti volti internazionali, non solo del mondo politico: tra questi Vasco Rossi, Bill Gates, Spielberg, Keith Richards, Jacques Le Goff, Don De Lillo e l’attore Premio Oscar Daniel Day Lewis.

Cazzullo ha inoltre raccontato alcuni degli avvenimenti più importanti della storia: la morte di Lady Diana, i giochi olimpici di Atene, di Pechino e Londra, gli scontri del G8 di Genova, le reazioni del mondo arabo agli attentati dell’11 settembre 2001, le elezioni di Chirac, Erdogan, Bush, Obama, Trump, Macron, la morte di papa Wojtyla, e molti altri.

Ma eccolo che nel 2021 prende parte ad una nuova esperienza insieme al noto cantante Piero Pelù, per decantare i versi di Dante Alighieri.