Davide Van De Sfroos, chi è il cantautore del Lago di Como e conduttore su Rai 2

0
511

Davide Van De Sfroos è il nome d’arte di Davide Bernasconi, musicista lombardo noto per le sue canzoni in dialetto “tremezzino” diffuso sulle sponde del Lago di Como.

Davide Bernasconi nasce a Monza il giorno 11 maggio 1965 e cresce a Mezzegra, paesino del lago di Como. Moltissimi testi delle sue canzoni fanno capo al lago e al suo spirito, raccontando la vita di tutti i paesi rivieraschi, senza mai però perdere d’occhio la grande città.

Le prime esperienze musicali di Davide avvengono in una band di ispirazione punk dal nome “Potage”, intorno alla metà degli anni Ottanta. Dopo qualche esperienza da solista decide di mettere in piedi un proprio gruppo musicale che chiama i “De Sfroos” (1990): con i De Sfroos inizia a scrivere i primi testi, che prenderanno vita nella pubblicazione di “Ciulandàri!” e “Viif”.

Nel 1995 i De Sfroos pubblicano il disco “Manicomi“, che contiene alcune tra i brani più rappresentativi di Davide come, per citarne uno, “La Curiera”. Nel 1998 però i De Sfroos si sciolgono.

Davide torna sulla scena musicale con la “Van de Sfroos Band“, che significa letteralmente “vanno di frodo”, cioè contrabbando. Nel 1999 pubblica l’album “Breva & Tivan”: la critica mostra interessa per questo artista dialettale tanto che riceve il Premio Tenco, come “Miglior autore emergente”. Quasi contemporaneamente viene pubblicato “Per una poma”, un mini-cd di tre canzoni, in cui Davide Van De Sfroos affronta in tono scanzonato tre noti temi biblici: Adamo ed Eva, Caino e Abele e il Diluvio Universale.

Dopo aver già pubblicato nel 1997 il suo primo libro di poesie, dal titolo “Perdonato dalle lucertole”, nel 2000 dà alle stampe “Capitan Slaff”, una favola ambientata in un tempo mitico sul lago di Como; l’opera viene anche rappresentata con successo anche in teatro.

POTREBBE INTERESSARTI: Piero Pelù e Aldo Cazzullo in tour per rileggere la Divina Commedia in chiave rock

L’anno seguente pubblica l’album di inediti “…E Semm partii” (2001), che entra nelle classifiche ufficiali e registra un successo clamoroso con 50.000 copie vendute, ottenendo anche un disco d’oro. Il lavoro riceve poi la Targa Tenco 2002 come migliore album in dialetto.

Per il Festival di Sanremo del 2011, il direttore Gianni Morandi invita Davide Van De Sfroos a partecipare con una sua canzone in dialetto: la canzone che presenta, dal titolo “Yanez”, invece del lago racconta del mare di Cesenatico, dove andava in vacanza con la famiglia il piccolo Davide.

Il programma su Rai 2 di Davide Van De Sfroos

Davide Van De Sfroos è protagonista del programma “Il Mythonauta” in cui il cantautore viene battezzato per la prima volta come conduttore, e racconta i miti e leggende d’Italia. Il programma, in onda in seconda serata su Rai 2, durerà quattro puntate ed è iniziato il 13 gennaio, e continuerà ad andare in onda ogni giovedì.

“Il Mythonauta” narra i vagabondaggi di Bernasconi, a partire dalla terra in cui Van De Sfroos è cresciuto, quella del Lago di Como, raccontando i miti e delle leggende d’Italia, fino Romagna all’Alto Adige. (clicca qui per vedere gratuitamente le puntate del programma su Rai Play)