L’iceberg più grande del mondo si è staccato dall’Antartide

0
317

L’iceberg più grande del mondo si è staccato dall’Antartide: la lastra di ghiaccio è grande quanto il Molise e a darne notizia è stata l’Agenzia spaziale europea, grazie alle immagini satellitari.

UNSPECIFIED, ANTARCTICA – OCTOBER 31: A calving glacier is seen from NASA’s Operation IceBridge research aircraft, in the Antarctic Peninsula region, on October 31, 2017, above Antarctica. NASA’s Operation IceBridge has been studying how polar ice has evolved over the past nine years and is currently flying a set of nine-hour research flights over West Antarctica to monitor ice loss aboard a retrofitted 1966 Lockheed P-3 aircraft. According to NASA, the current mission targets ‘sea ice in the Bellingshausen and Weddell seas and glaciers in the Antarctic Peninsula and along the English and Bryan Coasts.’ Researchers have used the IceBridge data to observe that the West Antarctic Ice Sheet may be in a state of irreversible decline directly contributing to rising sea levels. The National Climate Assessment, a study produced every 4 years by scientists from 13 federal agencies of the U.S. government, released a stark report November 2 stating that global temperature rise over the past 115 years has been primarily caused by ‘human activities, especially emissions of greenhouse gases’. (Photo by Mario Tama/Getty Images)

Quello che è successo nel Mare di Weddell, parte dell’Oceano Antartico, sembra essere la rappresentazione ideale per capire quanto i cambiamenti climatici influiscano sull’ecosistema e sulla sua stabilità climatica. La lastra di ghiaccio è la più grande a viaggiare sugli oceani, grande più dell’isola di Maiorca. Come riporta l’Ansa, l’iceberg è stato chiamato A-76 e misura 170 chilometri, con una larghezza di 25 e un’area di 4.320 chilometri quadrati. A riprendere i fotogrammi del distacco è stata l’Agenzia spaziale europea (Esa) nel corso della missione Copernicus Sentinel-1, la foto è poi stata pubblicata sul sito dell’Agenzia spaziale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ambiente: le microfibre delle mascherine inquinano il mare

La nota dell’Esa annuncia come la lastra di ghiaccio sia più grande persino dell’iceberg A-23A, che misura circa 3880 kmq, anch’essa galleggiante nel Mare di Weddell. Questo è l’ennesimo episodio di distacco di grosse lastre di ghiaccio dall’Antartide – come nel caso dell’iceberg A-74, grande, come fa notare il Corriere della Sera, quanto la città di Los Angeles. In alcuni casi questi grossi iceberg sono diventati una minaccia per alcune isole abitate da pinguini e altre specie, l’impatto infatti sarebbe in molti casi devastante. Eventi rari che potrebbero avere gravi conseguenze.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scioglimento dei ghiacciai: Orsi polari a rischio estinzione

Diversamente raro è invece l’impatto dello scioglimento dei ghiacciai sull’innalzamento dei mari. Sono infatti diversi i ricercatori che negli ultimi anni hanno espresso preoccupazione nei confronti delle condizioni dei ghiacciai. L’aumento negli ultimi decenni, in modo sproporzionato delle quantità di Co2 emesse nell’atmosfera, ha sicuramente contribuito ad impattare in modo negativo sugli equilibri ambientali. Le recenti decisioni in tema di transizione ecologica, non fanno che riflettere sul fatto che la necessità di accelerare diventa ogni giorno sempre più impellente. Molti sono i nodi da sciogliere, soprattutto per i Paesi più industrializzati e sulla conversione ecologica ma, come dimostrano gli eventi avversi, la cooperazione internazionale, se trasparente, rimane l’ultima ancora.