Adolescente pakistano muore mentre finge di spararsi in un video su TikTok

0
204

Un giovane pakistano, giovedì 20 maggio, muore fingendo di spararsi mentre veniva filmato dagli amici per un video di TikTok. 

Hamidullah, 19 anni, era noto a livello locale e sui social media per i suoi video sui social. Nella giornata di giovedì però uno dei suoi video su TikTok finisce in tragedia, il ragazzo infatti ha puntato la pistola di un amico alla tempia e ha premuto il grilletto, ignaro che la pistola fosse carica. “Il giovane è morto sul posto, nel villaggio Kalaygay di Kabal, nella regione di Swat””, ha detto Badshah Hazrat, un funzionario di polizia della regione. (clicca qui per scoprire la piattaforma TikTok)

Sebbene la clip dell’incidente non sia stata caricata su TikTok, la polizia ha detto che gli amici l’hanno fatta circolare tra di loro e si è presto diffusa. “Il giovane era famoso a livello locale e attivo su TikTok“, ha detto Hazrat all’Agence France-Presse.

Il diciannovenne pakistano aveva più di 8.000 follower e ha pubblicato quasi 600 video su TikTok. La maggior parte erano di lui che faceva scherzi con gli amici o mostrava la vita difficile nella sua città. La polizia ha inviato il corpo per l’autopsia e ha avviato un’indagine sul caso.

“Questo ragazzo fingeva di suicidarsi con una pistola carica. Si è messo la pistola in testa e all’improvviso ha fatto sparato. Lo sfortunato giovane è morto sul colpo perché colpito direttamente alla testa. Non c’erano possibilità di sopravvivenza “, ha detto un funzionario di polizia. Ha aggiunto anche di aver ricevuto il video in cui si vede Hamidullah prima caricare la pistola e poi metterla in testa “scherzosamente”.

L’adolescente era uno studente universitario e un grande fan della popolare piattaforma di condivisione video. I membri della famiglia hanno detto che Hamidullah ha preso la pistola da casa e non sapeva che conteneva un proiettile.

POTREBBE INTERESSARTI: Omicidio Yara, i legali di Bossetti: “Prova regina esaurita”. È scontro sui reperti

È importante ribadire di come dozzine di giovani vengono uccisi ogni anno in Asia meridionale durante pericolose riprese video per i social. Alcuni vengono investiti dai treni e altri annegati, ma nonostante il numero crescente di morti, la tendenza di questa attività pericolosa sta crescendo.