Covid, ieri 72 decessi: il dato più basso del 2021

0
78

Il quadro epidemiologico del Covid è sempre più in miglioramento: ieri 72 decessi, il dato più basso dall’inizio del 2021

(Getty Images)

Diventa di giorno in giorno sempre più intensa la luce in fondo al tunnel: nelle ultime 24 ore nel nostro Paese sono 3.995 i nuovi casi di positività al Covid 19 contro i 4.717 del precedente monitoraggio. Sono invece 72 le vittime, a fronte delle 125 del giorno precedente, il dato più basso del 2021 e per la seconda volta in pochi giorni sotto quota 100 unità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>Cuneo, scontro tra auto: morto carbonizzato un uomo

Ancora in calo i ricoveri: secondo quanto emerge dal bollettino diramato dal Ministero della Salute, i pazienti che sono entrati nei reparti Covid di tutta Italia sono 327 in meno dell’altro ieri per un totale di 1.410 mentre sono 48 in totale i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 20 in meno rispetto alla precedente rilevazione. Il tasso di positività si è attesta al 2.2%, in aumento dello 0.6% rispetto all’1.6% dell’altro ieri.

Covid, ieri 72 decessi: il dato più basso del 2021. Le nuove Linee guida della Campagna vaccinale

Intanto il Commissario per l’Emergenza, Generale Paolo Francesco Figliuolo, ha varato le nuove Linee Guida della campagna vaccinale che prevedono “il graduale passaggio dalle vaccinazioni effettuate in maniera centralizzata presso gli hub vaccinali a un sistema di “immunizzazioni delocalizzate“, quindi molto più capillare e prossimo ai cittadini”. Ciò permetterà di completare la vaccinazione delle categorie più fragili, cioè gli over 80, i soggetti con comorbilità, cioè affetti da più patologie, e quelli con ridotta mobilità non ancora intercettati e che pertanto “potranno essere raggiunti a domicilio o in luoghi vicini”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Report, le anticipazioni del 24 maggio: le indagini sul covo di Riina

Inoltre, il Commissario Figliuolo ha invitato le Regioni ad “aumentare in maniera graduale” il coinvolgimento dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta, dei farmacisti e degli altri operatori del Sistema Sanitario Nazionale nelle vaccinazioni giornaliere al fine di tenere operativi gli hub vaccinali anche in una fase intermedia e di transizione della campagna vaccinale.