Esplode vulcano in Congo: centinaia di bambini dispersi

0
113

Un tragico destino quello che ha visto esplodere il vulcano Nyiragongo in Congo. Centinaia di abitazioni sono state distrutte ma l’allarme dell’Unicef arriva dopo che 170 bambini sono rimasti da soli e molti altri sono dispersi. 

GOMA, CONGO – FEBRUARY 19: A group of Congolese people are seen standing in front of the Nyiragongo volcano that erupted in January 2002 on February 19, 2005 in Goma, Congo. Karel De Gucht, the Foreign affairs Minister from Belgium, is in Congo on a three day trip visiting the war torn area of Bunia and meeting with President Kabila. (Photo by Mark Renders/Getty Images)

L’Unicef lancia l’allarme dopo che oltre 170 bambini risultano dispersi e altri 150 risulterebbero rimasti da soli e separati dalle proprie famiglie a causa dell’eruzione del vulcano Nyiragongo in Congo, a est. Secondo i vulcanologi il vulcano Nyiragongo è uno dei più pericolosi e attivi al mondo. L’Unicef ha dichiarato anche che saranno allestite strutture per aiutare i bambini. L’esplosione ha causato anche 15 vittime, un numero che purtroppo sembra destinato a salire – sono diverse infatti le zone che ancora i soccorsi devono raggiunger. I cittadini congolesi, dopo l’esplosione hanno tentato la fuga, in migliaia, a seguito dell’eruzione del vulcano che ha causato anche la distruzione di centinaia di edifici e case.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, allarme in Africa: 600 milioni di africani senza assistenza

Nella fuga nove persone sono morte dopo un incidente stradale e altre quattro sono invece le vittime rimaste uccise durante il tentativo di fuga da una prigione. Altre due sono decedute a bruciate vive. Scene tragiche raccontate dal portavoce del governo, Patrick Muyaya, come riporta Rai News.  Centinaia di case sono state sommerse dalla lava fuoriuscita a seguito dell’improvvisa eruzione del vulcano, diversi edifici sono stati letteralmente inghiottiti e distrutti, insieme alle case. Sarà una lunga ricostruzione quella che dovrà affrontare la popolazione in quei luoghi. Un post che dovrà fare i conti anche con la situazione socio-economica del Paese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luca Attanasio, il papà dell’ambasciatore ucciso in Congo: “Era felice”

“Tutte le case nel quartiere di Buhene sono state bruciate”, riferisce l’Associated Press, dopo il racconto di alcuni residenti. La lava inoltre ha ricoperto una parte di autostrada che collega Goma alla città di Beni – percorso fondamentale per l’arrivo dei beni di necessità e degli aiuti. Salvo invece l’aeroporto cittadino. “Si consiglia alle persone di rimanere vigili e di evitare gli spostamenti non essenziali”, ha detto poi il portavoce congolese.  Il vulcano Nyiragongo dista 10 km da Goma e nella sua ultima eruzione, avvenuta nel 2002, aveva causato la morte di 250 persone, con migliaia e migliaia di sfrattati. Nel 1977 il bilancio fu invece ancora più pesante, con 600 vittime.