Caso Bugo-Morgan a Sanremo: chiesti 240mila euro di risarcimento

0
121

Morgan è stato citato in giudizio da Bugo e dagli autori del brano “Sincero”, chiedendo un risarcimento per quanto avvenuto nello scorso Festival di Sanremo. 

Bugo trascina Morgan in tribunale. A più di un anno di distanza dalla fuga in diretta sul palco del Festival di Sanremo, il cantautore ha infatti chiesto i danni a Marco Castoldi per aver modificato il testo del brano, causando la squalifica dalla kermesse. Bugo chiede inoltre di essere risarcito per la condivisone della canzone (l’originale e la versione modificata) sui social. Il risarcimento chiesto e presentato dagli avvocati di Bugo è di 240mila euro.

La vicenda è dunque finita in tribunale con la prima udienza che si è svolta il 26 maggio: il giudice ha accolto le richieste degli avvocati dell’artista di redigere una memoria difensiva, così tutto è stato sposato al 10 giugno. Morgan si è anche visto notificare un decreto di citazione diretta a giudizio per i reati di resistenza e ingiurie a pubblico ufficiale. I fatti contestati sono relativi a due anni fa, giugno 2019 per la precisione, quando il musicista provò ad opporsi davanti alle telecamere allo sfratto dalla sua abitazione di Via Adamello, a Monza.

La reazione di Morgan alla richiesta di risarcimento di Bugo

La reazione di Morgan è arrivata via social dove, tramite un post, se l’è presa con chi in questo momento gli ha espresso solidarietà. “Inutile farmi auguri voi che non avete voluto fare nulla di concreto per darmi un vero aiuto, voi che non avete levato la voce d’indignazione”, ha scritto Castoldi.

PORTEBBE INTERESSARTI: Khaby Lame, il TikToker dei record fidanzato: chi è Zaira Nucci

“Avete contribuito al mio silenziamento soffocante operato da una cantante che se la spassa tra concerti e pubblicazioni e fa finta di niente quando dovrebbe vergognarsi per la vigliaccata schifosa in cui mi ha trascinato. Grazie dei vostri cuoricini, grazie di cuore”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco “Morgan” Castoldi (@morganofficial)