Chieti, addio a Giuseppina Fiorito: fu nella scorta di Falcone

0
513

Lutto nella Polizia di Stato: si è spenta, all’età di 62 anni, dopo una strenua lotta contro un male incurabile, Giuseppina Fiorito, ex assistente capo della Polizia di Stato che fu anche nella scorta di Giovanni Falcone

Giuseppina Fiorito

Per un beffardo scherzo del destino, a pochi giorni dalle commemorazioni della strage di Capaci, in cui persero la vita oltre al magistrato simbolo, insieme al collega e amico Paolo Borsellino, della lotta alla mafia Giovanni Falcone anche tre uomini della sua scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo  e Antonio Montinaro, si è spenta a Ortona, in provincia di Chieti, vinta da un male incurabile, Giuseppina Fiorito, 62 anni, ex assistente capo della Polizia di Stato, per molti anni, fino al congedo, in servizio al Commissariato di Polizia di Vasto: era nota e apprezzata a Vasto per aver svolto a lungo il servizio di poliziotta di quartiere rappresentando, quindi, un punto di riferimento per tanti cittadini, in particolare per quelli residenti nelle zone del centro storico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Il figlio di Vasco Rossi accusato di omissione di soccorso: chiesti 2 anni e 8 mesi di carcere

Nel percorso professionale di Pina Fiorito, come era affettuosamente chiamata da tutti, anche una breve ma significativa esperienza, appena due mesi nel 1989, come agente di scorta proprio del giudice Giovanni Falcone.

Chieti, addio a Giuseppina Fiorito: fu nella scorta di Giovanni Falcone: “Sa già che deve morire”

In occasione delle celebrazioni, a Vasto, per il ventennale della strage di Capaci, nel 2012, Giuseppina Fiorito aveva rievocato le emozioni vissute nel proteggere la vita del magistrato antimafia per eccellenza, Giovanni Falcone, che descriveva come una  “persona schiva, riservata, che dava poca confidenza”. Un comportamento che sorprese la giovane agente: “Ne chiesi conto al caposcorta e la sua risposta mi raggelò. Mi disse testualmente: “Sa già che deve morire”. In quel momento, forse ho praticamente maturato la delicatezza del nostro compito”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Audio inedito di Giovanni Falcone: un terribile presagio del 23 maggio 1992

Ciao Pina. Sarai sempre nei nostri ricordi“: è il commovente saluto dei suoi colleghi dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato – Sezione di Vasto. “Pina, non ci sono parole – ha scritto Matteo Marzella, Presidente della sezione vastese dell’ANPS – sei volata via nei cieli lasciando un grande vuoto in noi che per anni abbiamo condiviso il tuo lavoro. Che il Signore ti accolga nel paradiso eterno”. Oggi pomeriggio, alle ore 15.30, nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie in piazza San Francesco, saranno officiati i funerali.