Gianluca Vialli e Roberto Mancini: quanti gol hanno segnato in due

0
711

Gianluca Vialli e Roberto Mancini, sono stati la coppia che fece sognare tutti i tifosi della Sampdoria tra gli anni ’80 e gli anni ’90, facendo si che i blucerchiati riuscissero a sfiorare la Champions League.

Roberto Mancini e Gianluca Vialli, la storia dei Gemelli del Goal che fecero sognare la Sampdoria (Getty Images)
Roberto Mancini e Gianluca Vialli, la storia dei Gemelli del Goal che fecero sognare la Sampdoria (Getty Images)

I due venivano chiamati i Gemelli del Goal, infatti sono stati uno dei binomi più famosi del mondo calcistico italiano negli ultimi 40 anni. I due giocatori hanno contribuito a portare in alto una squadra che non aveva mai raggiunto traguardi importanti.

I gemelli del Goal hanno condiviso 8 stagioni alla Sampdoria tra il 1984 e il 1992, da sempre hanno occupato i primi due posti nelle classifiche marcatori proprio mentre erano nel club blucerchiato.

Tutto cominciò nel 1979 quando la Sampdoria aveva appena concluso la stagione con un posto in 9° posizione in Serie B, quello fu il punto più basso del club.

In estate Paolo Mantovani, era un imprenditore che lavorava a Genova, riuscì ad acquistare la squadra blucerchiata per sollevare le sorti del club, sin da subito mostrò di voler intraprendere delle serie soluzioni per il club.

Le sue campagne d’acquisto erano mirate a valorizzare i giovani talenti, nella stagione tra il 1981 e il 1982, l’imprenditore si impegnò affinchè la Sampdoria riuscisse a qualificarsi per la Serie A.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Euro 2020, ecco i 33 scelti da Mancini: tra di loro c’è anche Raspadori

Gianluca Vialli e Roberto Mancini, dove ha avuto inizio il successo dei Gemelli del Goal

Durante gli anni ’80 arrivò a Genova non ancora maggiorenne Roberto, il quale all’età di 13 anni aveva abbandonato casa per riuscire a coltivare la sua passione per il calcio.

Si era fatto notare tra la squadra del Bologna nel corso del campionato, era un fantasista dai piedi precisi e dall’assist facile, il suo difetto era quello di lasciarsi andare a comportamenti sopra le righe.

Gli sforzi dell’imprenditore Mantovani ebbero un riscontro positivo, infatti la Sampdoria diventò la squadra rivelazione dei campionati a venire, riuscendo a piazzarsi al 7° e al 6° posto anche sfidando i grandi club.

Nel 1984 ci fu un nuovo rinforzo nel reparto dell’attacco, era il cremonese Gianluca, classe 1964 la stessa età del primo talento acquistato. Il ragazzo era di origini borghesi, aveva il fiuto del gol, non rinunciava mai a fare mosse spettacolari come la rovesciata.

L’attaccante marchigiano riusciva a trasformare qualsiasi passaggio del compagno in meravigliose reti, i due svilupparono una forte intesa sia dentro che fuori campo.

I blucerchiati erano pronti a spiccare il volo, infatti nella stagione successiva riuscirono a vincere la Coppa Italia per la prima volta, sconfiggendo il Milano per 1-0 per poi ribatterlo nuovamente nella finale di ritorno 2-1, le reti erano state segnate dai Gemelli del Goal.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Nazionale di Mancini cluster Covid: altri quattro positivi. Ecco chi sono

I successi dei gemelli del goal in tutte le competizioni giocate

Una tra le ultime sfide dei Gemelli del Goal durante la loro carriera era proprio la Coppa dei Campioni, grazie a loro la Sampdoria riuscì a passare i turni preliminari, per poi avere la meglio sui campioni della Stella Rossa.

Purtroppo la corsa alla Champions fu interrotta dal Barcellona, disputando una finale equilibrata dove i due gemelli ebbero delle ghiotte occasioni da goal che non riuscirono a sfruttare correttamente.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: La confessione di Alba Parietti: “Con Gianluca Vialli è stato solo sesso”

Purtroppo la finale di Champions persa fu anche la fine della coppia vincente, l’anno successivo Gianluca passerà alla Juventus, mentre l’allenatore Boskov lascerà la squadra e Roberto rimarrà per vincere un’altra Coppa Italia nel 1993. Verrà celebrata senza il presidente Mantovani, deceduto proprio qualche mese prima della competizione.

Questo segnò l’epoca d’oro dei blucerchiati, ma la coppia del Goal si ricongiungerà nel 2019, dove Roberto sarà allenatore della Nazionale italiana e Gianluca diventò capo delegazione della selezione azzurra, riformando lo storico duo.