Roma, giallo a San Lorenzo: uomo ucciso a coltellate, grave il figlio

0
276

Un grave crimine è stato commesso poco fa a Roma, giallo a San Lorenzo: uomo ucciso a coltellate, codice rosso per il figlio 18enne.

(screenshot video)

Ancora un gravissimo fatto di sangue è avvenuto nella Capitale: stavolta il teatro è un appartamento in zona San Lorenzo, a Roma appunto. Nel corridoio dell’abitazione è infatti stato rinvenuto poco fa privo di vita un uomo di 53 anni. Inutili si sono rivelati i soccorsi per l’uomo, che sono stati comunque tempestivi, una volta scattato l’immediato allarme.

Ti potrebbe interessare >>> Donna uccisa a coltellate in strada, il nuovo femminicidio accaduto a Roma

Invece, nella stessa abitazione, ma in bagno, vi era il figlio 18enne dell’uomo, che era a quanto parte gravemente ferito. Il giovanissimo è stato ritrovato in uno stato di semi incoscienza. Secondo la ricostruzione dei fatti, padre e figlio avrebbero vistose ferite causate da un’arma da taglio.  L’allarme sarebbe scattato quando alcuni vicini di appartamento avrebbero visto i due corpi per terra.

Ti potrebbe interessare >>> “Fatevi i fatti vostri”: le minacce a chi indagava sul caso di Denise Pipitone

Uomo ucciso a coltellate a Roma: sotto accusa il figlio con problemi di droga, è stato lui?

Così, hanno immediatamente allertato i soccorsi ed è giunta sul posto praticamente subito la polizia che indaga sull’accaduto. Sul luogo del gravissimo fatto di sangue sono arrivati anche uomini e mezzi del Suem 118. Per il padre 53enne non vi è stato nulla da fare. Il giovane è stato stabilizzato e portato in ospedale in codice rosso. Un vicino di casa ha spiegato ai cronisti giunti sul posto: “Abbiamo sentito le urla, ma non ci siamo preoccupati, litigavano spesso”.

Secondo quanto ricostruito, l’uomo rimasto ucciso si chiamava Marco Svezia, mentre il figlio 18enne, Daniele, potrebbe essere l’autore del parricidio. Successivamente, il giovane potrebbe aver tentato il suicidio, tant’è che quando sono arrivati i soccorsi insieme alle forze dell’ordine, impugnava ancora l’arma del delitto. Secondo quanto è stato possibile finora apprendere, Marco Svezia e la mamma di suo figlio Daniele erano separati, inoltre pare che il giovane avesse problemi legati al consumo di droghe. Tre i delitti in poche ore a Roma, dove cresce l’allarme sociale.