Denise Pipitone, l’avvocato in diretta: “7 persone conoscono la verità”

0
340

Il caso della scomparsa Denise Pipitone, l’avvocato Frazzitta in diretta televisiva: “7 persone conoscono la verità”.

Denise Pipitone

Ci sarebbero nuovi interessanti elementi nel caso di Denise Pipitone, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo ormai 17 anni fa e che sarebbe stata rapita, come fanno supporre le indagini. L’avvocato Giacomo Frazzitta, nel corso della trasmissione ‘La vita in diretta’, ha lanciato ai microfoni di Alberto Matano una notizia che è risultata essere un vero e proprio appello affinché possa emergere la verità in questa annosa vicenda.

Ti potrebbe interessare –> Denise Pipitone e quell’incidente stradale mai chiarito

In attesa dei documenti esclusivi che ‘Chi l’ha visto?’ ha annunciato che manderà in onda, infatti, è il legale di Piera Maggio a fare una nuova mossa in uno scacchiere che appare quantomeno complesso. Lo stesso avvocato, peraltro, appena un paio di giorni fa, aveva smentito le voci sugli indagati. Ora chiede che chi sa parli.

Ti potrebbe interessare –> Denise Pipitone, l’avvocato: “Anna Corona non è indagata”

Le rivelazioni dell’avvocato sul caso di Denise Pipitone

Anzi Frazzitta indica un numero di persone che a suo avviso conoscerebbero la verità: si tratta di sette soggetti, che oramai non rischiano più nulla essendo andato in prescrizione il reato di favoreggiamento. “Pensiamo che siano sette le persone che sono a conoscenza, ci siamo resi conto che le persone sono aumentate”, spiega il legale. Quindi si chiede “perché stare zitti, se possono aiutare senza avere conseguenze”. Insomma, ancora una volta qualcosa sembra smuoversi nel caso della scomparsa della bambina.

E l’avvocato a tal proposito ci tiene a ringraziare i media per aver tenuta alta l’attenzione sulla vicenda, in tal modo contribuendo a far emergere piccoli frammenti di verità sulla scomparsa della bambina di Mazara del Vallo. “Noi cerchiamo Denise Pipitone, non cerchiamo colpevoli”, evidenzia ancora Frazzitta, che quindi chiosa: “L’indagine giornalistica è diversa da quella della Procura. Ma grazie a questa finestra qualcosa si è mosso e noi vi dobbiamo ringraziare”.