Arrestato il figlio del boss Alleruzzo: è accusato di aver ucciso la sorella

0
482

Alessandro Alleruzzo è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso con due colpi di pistola la sorella Nunzia nel 1995: l’omicidio sarebbe stato commesso per riscattare l’onore della famiglia mafiosa dalle relazioni extraconiugali della donna con esponenti di clan rivali.

arreestato alessandro alleruzzo: avrebbe ucciso la sorella

A Catania questa mattina, venerdì 4 giugno, Alessandro Alleruzzo, figlio del defunto boss di Cosa nostra Giuseppe, è stato destinatario di una ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato ai danni di sua sorella Nunzia Alleruzzo, uccisa nel 1995. Ad eseguire l’arresto dell’uomo, oggi 47enne, sono stati i carabinieri della Compagnia di Paternò su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Catania.

Ti potrebbe interessare anche -> Denise Pipitone, un testimone anonimo parla a Chi l’ha visto? Hanno paura dei Corona

Arrestato Alessandro Alleruzzo: il figlio del boss di “Cosa nostra” avrebbe ucciso la sorella Nunzia

Secondo quanto emerso dalle indagini, Alessandro Alleruzzo avrebbe ucciso la sorella poiché tradiva il marito con esponenti rivali del clan legato alla famiglia. Il fine sarebbe stato quello di riscattare l’onore degli Alleruzzo, oltraggiati da quelle relazioni extraconiugali. La donna sparì nel nulla il 30 maggio del 1995. I resti del suo cadavere furono poi ritrovati tre anni dopo dai carabinieri, in seguito due telefonate anonime, all’interno di un pozzo. Il suo teschio presentava due fori causati da un’arma da fuoco.

Ti potrebbe interessare anche -> Yara Gambirasio, respinte le istanze degli avvocati di Massimo Bossetti

Durante l’inchiesta, riaperta all’inizio dell’anno, per ricostruire la dinamica e il movente dell’omicidio si sarebbero rivelate fondamentali le dichiarazioni di tre pentiti – Francesco Bonomo, Antonino Giuseppe Caliò e Orazio Farina – e alcune intercettazioni dei detenuti Giovanni Messina e Salvatore Assinnata, i quali commentando la notizia delle indagini avrebbero confermato che a uccidere Nunzia Alleruzzo fu proprio il fratello. Caliò avrebbe raccontato che lo stesso Alessandro Alleruzzo gli avrebbe rivelato di aver ucciso la sorella “sporcandosi di sangue e terra per averla dovuta trascinare”.