Max Allegri, su di lui gli occhi dell’antiriciclaggio: la reazione del tecnico

0
113

Max Allegri è finito sotto gli attenti controlli della Banca d’Italia: la notizia lanciata dal giornale La Verità

Allegri
L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri (Getty Images)

La lente d’ingrandimento sarebbe stata posta dagli uffici della Banca d’Italia su alcune operazioni e si vuole accertare che non siano di riciclaggio. Sarebbe questo il sospetto che verte sull’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri secondo la notizia riportata da La Verità, il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro. Ingenti somme di denaro versate sul conto del tecnico toscano arrivate all’orecchio del palazzo Coch grazie ad alcune segnalazioni.

Lo stesso quotidiano che ha pubblicato lo scoop specifica che si tratta solo in un accertamento e che sono anche normali quando si tratta di cifre come quelle ora sotto osservazioni. Ma a far insospettire è soprattutto chi l’ha versate.

I soldi arrivano da una società maltese che è finita in un inchiesta giudiziaria della Procura di Reggio Calabria per truffa e rapporti con la ‘ndrangheta. In sette diversi bonifici al tecnico sono stati dati 161mila euro. Si aggiunge poi una società slovena che gestisce un hotel e un casinò e la cifra sale a 168mila.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cristiano Ronaldo e Mauro Icardi, scambio possibile tra Juventus e PSG?

Controlli antiriciclaggio, la reazione di Allegri

Allegri
Getty Images

Ma le operazioni che hanno acceso i riflettori non sono finite qui. C’è anche una banca privata di Monte Carlo con 140mila euro. La Verità specifica anche che queste somme potrebbero essere frutto di vincite legali. Magari legate alle giocate in casinò perché come prevedere la legge della Figc, chi è tesserato con la federazione calcistica non può scommettere, neanche presso le ricevitorie legali e autorizzate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Caso Ciro Grillo, viene rinviato a giudizio con gli altri tre accusati

Tra il 2018 e il 2019 da un conto di Allegri risultano in uscita quasi 500mila euro spesi in due diversi casinò, a Monte Carlo e a Nova Gorica, in Slovenia. In tecnico è intervenuto e ha commentato ha vicenda. Si è detto del tutto estraneo “a qualsiasi attività irregolare o illecita”, ha fatto sapere nella tarda mattinata di oggi, dichiarandosi lontano anche da qualsiasi attività che violino le norme di antiriciclaggio.