Super Nanny: chi è Lucia Rizzi protagonista del programma su NOVE

0
1497

Tata Lucia Rizzi è tornata in tv, nel 2021, con la trasmissione Supernanny, in onda sul Nove. Ecco tutto sulla protagonista del programma.

Arriva la prima edizione italiana di Supernanny con Lucia Rizzi: dal 25 aprile ogni domenica alle 21.25 (in anteprima dal 18 aprile su discovery+) sul NOVE e in streaming su discovery+. Tata Lucia è già nota per il per aver fatto parte al format SOS Tata! Ma ecco tutto sulla sua storia personale oltre i riflettori.

Chi è Lucia Rizzi

Lucia Rizzi, nota al grande pubblico come la Tata Lucia di programmi quali SOS Tata e Supernanny, vive a Milano, città in cui è nata, sotto il segno dell’Acquario, il 15 febbraio 1942. La donna è rimasta orfana di padre poco dopo la nascita, la madre, stenografa di origini polacche, ha portato avanti la famiglia. A 16 anni ha vinto una borsa di studio per seguire un percorso formativo di un anno negli Stati Uniti ed è partita alla volta della California.

Dopo gli studi all’Istituto Magistrale “Carlo Tenca”, è diventata una pedagogista e, forte di un talento indiscutibile, è diventata anche un personaggio televisivo e una scrittrice. Per oltre 30 anni ha svolto il ruolo di insegnante e ricercatrice presso il Child Development Center dell’Università della California, e nel corso della sua carriera ha avviato collaborazioni con ospedali e scuole (con corsi per genitori e docenti).

La vita privata

Sebbene sia la “tata più famosa d’Italia”, Lucia Rizzi non sembra avere profili social che richiamino da vicino la sua vita privata. L’aspetto più personale della sua storia resta in gran parte sconosciuto al pubblico, anche se qualche piccolo aneddoto sul suo mondo dietro i riflettori è emerso durante una sua intervista ai microfoni del quotidiano Il Giorno.

POTREBBE INTERESSARTI: Michele Merlo, diagnosi tremenda: leucemia, il mondo della musica con lui

Lucia Rizzi ha rivelato qualcosa sulla sua infanzia a Milano, dove è nata ed è cresciuta, precisamente in una casa di via Principe Eugenio: “Ci sono rimasta poco perché fu bombardata quando avevo 19 mesi”. Ha raccontato che la madre, Maria Libera, ha salvato lei e le sue sorelle.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Telesette (@tele.sette)